Ecobonus 110%, quando sistemare la casa è gratis

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Lavori gratis casa con Ecobonus 110%. Un’occasione d’oro per famiglie: fare lavori di efficientamento energetico in casa (come il cambio della caldaia o del condizionatore, l’installazione di pannelli solari, la coibentazione del tetto) e non pagare niente. Anzi, vedersi restituito dallo Stato, sotto forma di sconto nelle tasse per 5 anni, il 110% per cento della cifra spesa. Non solo: con la possibilità, tramite accordo, di cessione del credito a aziende o istituti bancari. In pratica, trovando l’impresa disponibile, si potrà pagare zero (o avere un forte sconto in fattura), lasciando all’impresa stessa il compito di recuperare il credito, compreso – ovviamente – il 10% in più del totale. Intanto il Veneto riapre: se volete aprire l’articolo con tutti i posti (dai bar alle spiagge, dalle palestre alle piscine e soprattutto tutte le regole, eccolo qua.
A non riaprire sono solo i centri estivi. Ma anche in questo caso c’è una data, il 3 giugno. E un articolo che racconta come sarà la riapertura. 

Ecobonus 110%, lavori gratis casa

Ecobonus 110% è un’opportunità contenuta nel decreto Rilancia Italia, dibattuto lungamente dal Governo: doveva uscire ad aprile, è stato approvato a metà maggio. In pratica si tratta di un credito d’imposta per lavori di riqualificazione energetica o antisismica di un edificio. Come in parte già esisteva, solo che la percentuale di restituzione oscillava fra il 50 e il 65%, e gli anni di restituzione erano 10. E soprattutto non esisteva la possibilità di cedere il credito a banche o imprese: di fatto i soldi bisognava sempre anticiparli.

!! LEGGI: TUTTE LE MISURE DEL DECRETO RILANCIO, SCONTI E BONUS PER FAMIGLIE E IMPRESE !!

Ecobonus 110% riguarderà una serie di lavori che dovranno essere realizzati fra il primo luglio 2020 e il 31 dicembre 2021. Un anno e mezzo a disposizione. La prima differenza con la situazione attuale è che l’ecobonus vale persone fisiche e solo per le abitazioni in condominio o per quelle indipendenti che però siano anche prima casa del contribuente. Mentre l’attuale vale per tutti gli immobili e anche per i soggetti Ires. Sarà anche possibile non pagare niente, con lo sconto in fattura: è prevista infatti la cessione del credito a banche o imprese, che diventeranno titolari dell’agevolazione. In pratica, trovando l’impresa disponibile, si potrà pagare zero. Ci sarà però un surplus di burocrazia: servirà un certificato che attesti la congruità dei lavori eseguiti.

CONFERMATA APERTURA IL 18, ANCHE PER PALESTRE E CENTRI SPORTIVI

Ma quali sono gli interventi, lavori gratis casa, oggetto di ecobonus 110%? Caldaie, climatizzatori e coibentazione sì, infissi no (a meno che non si faccia il lavoro insieme agli altri in elenco). Ma veniamo al dettaglio, e facciamoci guidare dal testo del decreto e da quanto riporta una bibbia del settore, GuidaFinestra:

  • interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo. La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 60.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.
  • interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto, a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, ovvero con impianti di microcogenerazione. La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 30.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio ed è riconosciuta ancheper le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.
  • interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, ovvero con impianti di microcogenerazione. La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 30.000 ed è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.
  • interventi di acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi, di schermature solari e componenti come da Art. 14 Detrazioni fiscali per interventi di efficienza energetica In vigore dal 01/01/2020 Modificato da: Legge del 27/12/2019 n. 160 Articolo 1. Come già anticipato, l’aliquota del 110% è assicurata se gli interventi in a, b o c in congiunzione con gli interventi di infissi e schermature assicurano il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificioovvero se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta, da dimostrare mediante l’attestato di prestazione energetica (APE).

Ti potrebbe interessare