Menu

Fondo Atlante presenta il cda per BpVi: Mion presidente, Iorio ad

Pubblicato il 10 giugno 2016 in Credito, Vicenza

Banca Popolare di Vicenza BpVi foto di Giulio Todescan per Veneto Economia, citare la fonte  

Presidente Gianni Mion, amministratore delegato Francesco Iorio. Una novità e una conferma nel probabile futuro consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Vicenza, che sarà eletto il 7 luglio dall’assemblea dei soci, monopolizzata dal Fondo Atlante che possiede il 99,33% delle azioni di BpVi e ieri ha presentato la sua lista in vista dell’assemblea. A presentare la lista è ufficialmente il cda di Qaestio SGR, la società che guida il Fondo Atlante. Altre novità: il cda sarà ridotto da 18 a 11 membri e gli emolumenti complessivi saranno dimezzati rispetto a quelli attuali; Quaestio chiederà al nuovo cda di avviare un’azione di responsabilità «nei confronti di chi si è reso colpevolmente responsabile del dissesto della banca»; il primo problema da risolvere sarà quello delle sofferenze; infine sono allo studio azioni per aiutare i soci storici della banca, non tanto con risarcimenti ma facendo in modo che questi «possano beneficiare in modo equo dell’auspicato rilancio della loro banca», afferma la nota diffusa da Quaestio.

Cda Banca Popolare di Vicenza: la lista di Quaestio

Il presidente proposto al posto dell’attuale Stefano Dolcetta è Gianni Mion, manager padovano per 25 amministratore delegato del forziere della famiglia Benetton , la finanziaria Edizione Holding di cui oggi è vice presidente. Alla vicepresidenza Atlante vuole Salvatore Bragantini, già commissario Consob. Ad resterebbe Francesco Iorio, «per proseguire l’opera di ristrutturazione e rilancio della banca che ha cominciato meno di un anno fa».

La lista dei consiglieri comprende poi Niccolò Abriani, professore di Diritto Commerciale all’Università di Firenze, Luigi Arturo Bianchi, professore di Diritto Societario all’Università Bocconi, Marco Bolgiani, presidente di Valise Trust Co. Ltd. e una carriera fra Citibank, Eptaconsors, Unicredit, Intesa Sanpaolo, Carlo Carraro, economista già rettore di Ca’ Foscari, Rosa Cipriotti, alle spalle 13 anni di esperienze nell’investment banking con Lehman Brothers e poi Nomura, Massimo Ferrari, Chief Financial Officer del gruppo Salini-Impregilo, già capo divisione in Consob e poi nel controllo dei rischi in Unicredit, Francesco Micheli, finanziere oggi top executive di Telecom Italia e già dg di Intesa Sanpaolo, Alessandro Pansa, ex Finmeccanica già nominato in cda nel luglio scorso e confermato.

Per il collegio sindacale la lista è composta da Rosalba CasiraghiNadia Fontana (sindaco) e Marco Giorgino (sindaco).

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova. Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie