Menu

Assistenti sociali: Azienda Zero, così non va

Pubblicato il 20 ottobre 2015 in Professionisti, Veneto, Venezia

"Palazzo Ferro Fini dalla Salute" by Stefano Remo - Own work. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Commons - https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Palazzo_Ferro_Fini_dalla_Salute.JPG#/media/File:Palazzo_Ferro_Fini_dalla_Salute.JPG  

«Abbiamo chiesto una revisione complessiva della proposta di legge su diversi punti: Azienda Zero, riduzione delle Ulss, direttore dei servizi sociali, rapporto con i comuni. Abbiamo invitato Giunta e Consiglio a prendersi del tempo – almeno un anno – per valutare molti aspetti finora trascurati, come l’impatto del Piano sociosanitario 2012-2016 e come le proposte alternative presentate. E abbiamo anche denunciato una situazione che è al limite del collasso in troppe Ulss, con servizi socio-sanitari in media sotto organico del 30%». Così Stefania Cassol, Vicepresidente dell’Ordine degli Assistenti Sociali del Veneto sintetizza il contenuto dell’audizione avvenuta nella tarda mattinata di oggi, dei professionisti del servizio sociale da parte della Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto sul Progetto di Legge 23 di riorganizzazione della sanità veneta.

Azienda Zero: perplessità dagli assistenti sociali

Il progetto, presentato lo scorso 26 giugno 2015 dal governatore Luca Zaia, è intitolato “Istituzione dell’ente di governance della sanità regionale veneta denominato Azienda per il governo della sanità del Veneto – Azienda Zero. Disposizioni per l’individuazione dei nuovi ambiti territoriali delle Aziende Ulss”. «Di fatto – spiega Cassol, che era accompagnata dal Tesoriere dell’Ordine Nicola Martinelli – si tratta della riorganizzazione complessiva dell’intera sanità veneta e ha sollevato osservazioni e perplessità da parte di diversi soggetti, dai sindacati confederali a quelli di categoria, dagli ordini professionali, ai comuni».

Il documento presentato dall’Ordine degli Assistenti Sociali del Veneto (qui in versione integrale) tocca diversi punti, a partire dai nodi più generali, come quello della tempistica, sottolinea Cassol: «Il Veneto ha per la prima volta da decenni un Piano socio sanitario, quello 2012-2016: forse occorre aspettare che sia attuato per fare delle valutazioni e poter mettere mano a una riorganizzazione».

L’Ordine degli Assistenti Sociali esprime perplessità sulla proposta dell’Azienda Zero: «Non può essere un’unica azienda l’unico responsabile della programmazione socio-sanitaria per quasi cinque milioni di cittadini del Veneto, perché occorre rispettare le specificità dei bisogni nei diversi territori. E questo non significa non rispettare l’esigenza di dare omogeneità nella gestione della spesa (ad esempio sui costi standard) e nell’erogazione dei servizi (uguali prestazioni per tutti i cittadini)». Perplessità anche sull’eccessivo peso politico della nuova realtà gestionale: «Nell’interesse dei cittadini è importante che il ruolo di Consiglio e Giunta nella programmazione sanitaria resti forte».

Ulss ottimali con bacini di 300 mila abitanti

Per gli Assistenti Sociali veneti è importante salvaguardare tutto il buono dell’assetto attuale: «Le Ulss – prosegue Cassol –, per operare bene, devono avere un bacino di utenza intorno ai 300mila abitanti, quindi non è pensabile ridurle a una per provincia. Va anche mantenuto il legame con i comuni, che invece secondo il progetto attuale continuerebbero a pagare per molti servizi socio-sanitari, attraverso il meccanismo delle quote capitarie, ma senza alcun ruolo di indirizzo o controllo. Inoltre occorre mantenere la figura del Direttore dei Servizi Sociali a fianco del Direttore generale, per garantire qualità alla programmazione dei servizi a elevata integrazione socio-sanitaria che sono un fiore all’occhiello della sanità veneta: per esempio nei consultori ci sono i ginecologi e le ostetriche, ma anche l’assistente sociale, psicologo, l’educatore, che svolgono un’aziona coordinata. E lo stesso, con figure diverse, vale ad esempio per i centri di salute mentale e per altre realtà».

Organico assistenti sociali: in rosso del 30%

L’audizione ha permesso a Cassol e Martinelli di illustrare il complesso delle indicazioni riportate nel documento. E un passaggio delle conclusioni ha sollevato una particolare attenzione da parte dei consiglieri regionali presenti. «Ci è stato chiesto –precisa Cassol – di quantificare le carenze di organico dei servizi sociali delle Ulss, che indichiamo come uno degli elementi da analizzare con cura prima di definire qualsiasi proposta di riorganizzazione. Ecco, secondo un nostro calcolo, avendo come riferimento il criterio di un assistente sociale ogni 5000 abitanti previsto per i comuni, la situazione delle Ulss venete è quella di un sottorganico in media del 30% almeno rispetto alle necessità, con punte anche del 50% per alcuni servizi di alcune Ulss».

(foto: “Palazzo Ferro Fini dalla Salute” by Stefano Remo – Own work. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Commons – https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Palazzo_Ferro_Fini_dalla_Salute.JPG#/media/File:Palazzo_Ferro_Fini_dalla_Salute.JPG)

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova. Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie