Tar, niente sospensiva: le scuole superiori Veneto rimangono chiuse

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Rimangono chiuse le scuole superiori Veneto. Almeno fino al primo febbraio, quando dovrebbero riaprire. Il Tar del Veneto, infatti, non ha accolto la richiesta di sospensiva per l’ordinanza di chiusura scuole superiori Veneto firmata dal Governatore Luca Zaia. Il giudice afferma che «non appaiono del tutto sfornite di elementi di fondatezza» le ragioni dei ricorrenti, ma non tanto da dare la sospensiva. Ovvero quel provvedimento che blocca l’atto contestato quando rischia di produrre danni concreti. Non aver dato la sospensiva non significa che poi nell’udienza fissata il 27 gennaio il Tar, entrando nel merito, non possa dare ragione ai genitori che hanno fatto ricorso per la riapertura delle scuole superiori Veneto. Ma visto le tempistiche, si arriverebbe di fatto comunque in prossimità del primo febbraio, anche perché il Tar stesso ricorda che l’eventuale riapertura non si potrebbe organizzare in un giorno.

Di fatto, quindi, l’ordinanza del Governatore Luca Zaia regge. Rimane da capire cosa deciderà il Tar nel merito della questione: dovesse dare ragione ai genitori di fatto toglierebbe ogni dubbio sulla riapertura. Zaia ha infatti fatto sapere che non è detto che l’ordinanza di chiusura non si possa prolungare, ma si deciderà fra qualche giorno sulla base della situazione epidemiologica regionale.

LEGGI: GLI AIUTI PER LE FAMIGLIE, DAL CONTRIBUTO PER L’AFFITTO AI LAVORI GRATIS IN CASA

Molte famiglie soffrono le difficoltà dovute al contagio. Sul fronte sgravi, vi diamo due buone notizie:

LEGGI: IL FUTURO NELLE MANI DELLE NANOTECNOLOGIE

Ti potrebbe interessare