Menu

Import-Export, un ponte tra Padova e Taiwan

Pubblicato il 28 giugno 2017 in Economie, Infrastrutture, Padova

 
Padova si apre ad una collaborazione approfondita con Taiwan, una delle porte di ingresso del mercato asiatico e partner importante per le transazioni sia in entrata che in uscita nel breve e medio periodo per le aziende del Nord Est.
Una delegazione diplomatica e d’affari di Taiwan ha fatto visita oggi alla sede dell’Interporto di Padova ricevuta dal presidente della Camera di commercio di Padova Fernando Zilio, dal direttore di Padova Promex Franco Conzato, dal direttore dell’Interporto  Roberto Tosetto e dal direttore del Maap Francesco Cera.

La visita

«Vi riceviamo oggi con grande soddisfazione, scambi reciproci sono fondamentali ed  importanti, visto che Padova è il retroporto di Venezia e di Trieste. Il direttore Tosetto sta facendo un lavoro straordinario nel potenziamento della capacità di movimentazione green, risparmieremo tonnellate di gasolio e quindi di inquinamento. Qui sopra l’Interporto abbiamo un consumo zero di energia grazie al più grande impianto fotovoltaico pensile d’Europa – ha spiegato Fernando Zilio, presidente della Camera di commercio di Padova – Abbiamo un mix di posizionamento e infrastrutture, non ultime le nuove gru a portale, che danno una attrattività che fa di Padova il posto giusto dove stare. Abbiamo Padova Promex per internazionalizzazione e incoming, cioè l’importanza del marketing territoriale in cui crediamo moltissimo, e l’incontro di oggi va in questa direzione».
A guidare la delegazione taiwanese è intervenuto a Padova Roberto Jui-song Fang, capo della divisione economica del governo di Taiwan in Italia, assieme a Lisa Lin, primo segretario della divisione economica. Assieme ai due rappresentanti diplomatici erano presenti all’incontro anche Jay Hsiao, direttore generale di China Airlines in Italia e Adriana Bacchini, direttore commerciale della compagnia di bandiera taiwanese.

Nuovi scambi con l’Oriente

«Sono qui per porre le basi di una buona collaborazione tra i nostri Paesi e ne sono molto lieto – ha detto il capo della divisione economica del governo di Taiwan – ed in particolare troviamo la zona di Padova molto interessante per promuovere nuovi scambi tra la nostra realtà economica e quella italiana». Dello stesso avviso il direttore generale di China Airlines in Italia Jay Hsiao: «Noi siamo al sesto posto nel mondo per movimentazione di merce nel mondo, siamo cresciuti assieme alla economia taiwanese – ha ricordato il direttore generale di China Airlines in Italia – e siamo molto interessati a conoscere questa parte del Paese per studiare assieme alle istituzioni economiche futuri sviluppi commerciali sia dal lato passeggeri che merci».
China Airlines in Italia offre da tempo un volo diretto da Roma Fiumicino a Taipei, la capitale di Taiwan. Da novembre 2016 il volo è non stop, cioè senza scali intermedi. China Airlines offre a (con partenze da Fiumicino il martedì e il sabato) collegamenti anche da Francoforte, Vienna ed Amsterdam oltre che la nuova rotta da Londra annunciata oggi ed operativa dal primo dicembre. Nuove rotte sono allo studio ed in questo contesto si inserisce la missione esplorativa portata avanti nella giornata di oggi e divisa in due momenti. Dopo la visita e l’incontro con i vertici di Camera di commercio, Interporto e Maap, la delegazione ha preso contatto con alcuni esponenti del settore della green economy per poi prendere parte al workshop organizzato alla sala convegni di Y-40, la piscina più profonda del mondo, ospiti dello stesso architetto Emanuele Boaretto, presidente di Federalberghi Terme Abano Montegrotto, dove il presidente del Consorzio Terme Euganee Umberto Carraro ha illustrato la prima area in Europa per la salute preventiva.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211