Ipotesi stop per asporto e take away dopo le 18. Confartigianato: «Scongiurare scelta insensata»

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le anticipazioni dei contenuti del nuovo DPCM che entrerà in vigore dal 16 gennaio fanno emergere che si sta profilando una ulteriore stretta su specifiche attività economiche colpevoli, per il Governo, di poter generare assembramenti e diffondere il contagio. A bar, ristoranti, pizzerie, gastronomie, pasticcerie, rosticcerie, ecc. potrebbe essere vietato vendere cibi e bevande da asporto dopo le 18. «Mi appello al senso di responsabilità del Governo – scrive il Presidente regionale degli alimentaristi di Confartigianato Imprese Veneto Cristiano Gaggion – perché non ci siano ulteriori limitazioni all’attività di bar, ristoranti, pizze al taglio, gastronomie, pasticcerie, cioccolaterie etc, nella somministrazione da asporto. Così facendo, oltretutto, verrebbero pesantemente discriminati i pubblici esercizi, in modo del tutto insensato, rispetto ad altre attività come le gastronomie dei supermercati che resterebbero invece aperte al pubblico. I nostri imprenditori hanno già un’attività ridotta pressoché al lumicino: impedire, come sarebbe ipotizzato per il prossimo Dpcm in vigore dal 16 gennaio, anche l’asporto dopo le 18 sarebbe un vero e proprio colpo di grazia, anche psicologico per migliaia di piccoli imprenditori che non potrebbero neppure mantenere quel contatto diretto con la clientela, indispensabile per avere una speranza di futuro per la propria attività».

LEGGI: GLI AIUTI PER LE FAMIGLIE, DAL CONTRIBUTO PER L’AFFITTO AI LAVORI GRATIS IN CASA

Molte famiglie soffrono le difficoltà dovute al contagio. Sul fronte sgravi, vi diamo due buone notizie:

LEGGI: IL FUTURO NELLE MANI DELLE NANOTECNOLOGIE

«E’ una scelta iniqua -afferma Gaggion- che penalizzerebbe in regione oltre 4mila imprese artigiane 2.717 attività di ristorazione e cibi da asporto, 1.482 tra pasticcerie gelaterie e cioccolaterie. Si genera una disparità di trattamento rispetto alle attività commerciali, in particolare con le medie e grandi strutture di vendita del settore alimentare, dove spesso è presente anche il reparto di cibi pronti al consumo. Non ha senso. Bisogna intervenire là dove ci sono gli assembramenti con controlli e relative sanzioni ai comportamenti scorretti. Gli assembramenti, quando ci sono, sono infatti più legati a particolari luoghi dove si consumano bevande, non cibo. Sullo sfondo dunque rimane -conclude il Presidente-, il tema dei controlli, che andrebbero intensificati per disincentivare comportamenti scorretti».

Ti potrebbe interessare