Terres des Hommes

Contributo affitto Veneto, 400 euro alle famiglie. Ecco come fare richiesta

Contributo affitto Veneto, la Regione ha deliberato la concessione di un contributo straordinario di 400 euro per sostenere le spese per l’affitto sostenute dalle famiglie. La misura è rivolta ai nuclei familiari che hanno subito una perdita di reddito a causa del blocco delle attività imposto per fronteggiare l’emergenza Covid-19 e si aggiunge a tutte le misure per le famiglie previste dal Decreto Rilancio del Governo (cliccate qui per avere tutti i dettagli). Misure che, ricordiamo, comprendono anche la possibilità di realizzare lavori casa gratis grazie all’Ecobonus.

«In questa fase di contrazione occupazionale e progressivo impoverimento delle famiglie – ha dichiarato l’assessore alla sanità, al sociale e all’edilizia residenziale Manuela Lanzarin – consideriamo doveroso rafforzare il sostegno per il pagamento dei canoni di locazione per chi ha perso il lavoro o non ha percepito reddito durante i due mesi di lockdown».

Contributo affitto Veneto, il fondo Covid

Il Fondo ‘Covid’ per contributo affitto Veneto con una dote finanziaria di un milione e mezzo di euro, erogherà 400 euro di contributo ‘una tantum’ per le spese di affitto di quei nuclei famigliari che nel 2019 avevano un reddito familiare fino a 50 mila euro e che nel periodo marzo-aprile 2020 hanno registrato entrate inferiori almeno del 50 per cento rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente.

Centri estivi Veneto, caos date: via in ordine sparso. Bimbi con mascherina e niente nonni

Tra i requisiti previsti per ottenere contributo affitto Veneto, oltre ad una riduzione del reddito di almeno il 50%, ci sono la residenza in Veneto, non disporre di altri alloggi in proprietà, non avere risparmi accantonati superiori ai 20 mila euro e non aver usufruito sinora di altre forme di sostegno per pagare il canone di affitto.

Le domande per il Fondo di sostegno Covid vanno presentate esclusivamente via web a questo link a partire dal 15 giugno e fino al 5 luglio, scaricando un modulo di autodichiarazione da compilare su smartphone o computer.

Ti potrebbe interessare