Menu

Competence center, Nordest unito: firmano i 9 atenei triveneti

Pubblicato il 30 settembre 2016 in Cultura, Padova, Pmi e Imprese, Veneto, Venezia, Verona

Università  

Un accordo a nove stelle. Tanti quanti gli Atenei che hanno firmato oggi, nell’Aula Magna dell’Università di Padova, l’accordo per la partecipazione al competence center che il Veneto, e ora il Nordest, ha conquistato. Perché proprio come auspicato da Roberto Zuccato, presidente degli industriali veneti e da Rosario Rizzuto, rettore dell’ateneo patavino, capofila indiscusso del progetto, nel Piano Italia 4.0 ci sarà un centro di competenza allargato a tutti gli atenei del Triveneto. Ed ecco quindi la firma, al termine di un momento altamente simbolico: il dibattito degli Innovation Days organizzati da Nòva de Il Sole 24 ore fra Rizzuto e il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda. Non solo quindi Padova, l’Università capofila, Venezia Ca’Foscari, Verona e Iuav, ma anche le Università di Trento e di Bolzano, quelle di Udine, Trieste e la Sissa, la scuola internazionale di studi superiori del capoluogo giuliano.

«Non siamo più la terra dei campanili»

La firma allargata è una precisa volontà dei due registi dell’operazione, Zuccato e Rizzuto. L’assist era arrivato, poco prima dell’incontro con Matteo Renzi di martedì scorso, dal presidente dei confindustriali. «Proprio con l’obiettivo di mantenere e rafforzare la sinergia con cui abbiamo conseguito questo risultato – ha detto Zuccato – rivolgiamo un invito all’Ateneo padovano e alle altre università venete affinché costituiscano una rete di competenze anche con le università di Trento e Bolzano Udine e Trieste, che peraltro hanno dipartimenti di ingegneria molto qualificati. È un auspicio e una richiesta che muove dai Presidenti delle Confindustrie del Trentino Alto Adige e del Friuli Venezia Giulia e soprattutto dalle industrie di quei territori e che andrebbe a ridare vigore in ottica di Industria 4.0 all’identità della macro-area del Nord Est. Infatti, nel contesto di un’economia globale, i territori non possono più ragionare in termini localistici, ma devono assumere una prospettiva d’integrazione, attraverso lo sviluppo di vaste e moderne aree metropolitane per aumentare le qualità e l’efficienza dei servizi».

E subito si è messa in moto la macchina organizzativa: i rettori delle quattro Università venete erano fermamente convinti dell’allargamento. Che oggi, con la firma nell’Aula Magna del Bo, è stato messo nero su bianco. «Non siamo più la terra dei (tanti) campanili – ha ricordato prima della firma Rizzuto – Noi ci presentiamo come capofila delle Università. La competenza va cercata dove c’è. Questo spirito di collaborazione e competizione fra i centri di competenze è elemento fondamentale. Abbiamo ritenuto di avere una proposta coesa, che certamente esponga la nostra Università che ha dimensionamento maggiore. Ma il nostro territorio è molto vicino al Friuli Venezia Giulia, al Trentino Alto-Adige: è in questa logica che abbiamo voluto allargare il discorso».

Zuccato: «Ha vinto il lavoro di squadra»

«Sono molto felice che le 9 università del Nord Est abbiano firmato l’intesa per la creazione di un Competence Center. Questo risultato è frutto di uno straordinario lavoro di squadra, come forse mai prima d’ora si era verificato nel nostro territorio, e dà un segnale importante crediamo anche a livello nazionale». È il commento a caldo del presidente di Confindustria Veneto Roberto Zuccato. «L’esito di oggi assume ancor più rilevanza perché il dialogo è stato condotto su più livelli: tra gli atenei, tra le confindustrie delle tre regioni, tra università e sistema delle imprese. Una collaborazione innescata dal Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda con l’ideazione del Piano Italia 4.0, al quale va riconosciuto il merito di aver proposto con visione e pragmatismo una politica industriale e un piano d’investimenti per la ricerca del tutto innovativi, assenti da diversi anni nel nostro Paese».

«A questa proposta – afferma l’esponente confindustriale – il Nord Est ha risposto dando prova di saper fare massa critica e di proporsi interlocutore imprescindibile per il rilancio dell’industria italiana, grazie alla sua profonda tradizione manifatturiera, al vasto potenziale nel campo del digital manufacturing e all’eccellenza delle sue università». Per Zuccato «il Competence Center potrà essere l’embrione della scuola politecnica del Nord Est, la cui realizzazione le industrie del territorio hanno sempre auspicato».

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova. Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie