Menu

Scuola, iscrizioni in aumento alle paritarie Fidae

Pubblicato il 18 settembre 2015 in Economie, Turismo, Veneto

Classe scolastica di un isututo paritario. Insegnante e alunni.  

La Fidae, la federazione che associa la quasi totalità delle scuole paritarie cattoliche italiane, comunica i dati delle iscrizioni al nuovo anno scolastico. Arrivano segnali incoraggianti dalla regione del Veneto che conta 144 istituti cattolici paritari tra scuole dell’Infanzia, Primarie, Secondarie di I e di II grado.

«Il trend è in lieve aumento dopo gli indici negativi degli scorsi anni – commenta Virginia Kaladich, presidente della Fidae Veneto –. Infatti i dati regionali sulle iscrizioni hanno mostrato un leggero incremento a partire dalle scuole primarie fino alle secondarie di II grado. Questo ci fa iniziare l’anno con certo sollievo seppure tra non poche difficoltà».

Con il nuovo anno scolastico in Veneto sono state aperte sette nuove scuole paritarie di cui tre cattoliche, mentre due SSIIG della FIDAE hanno ampliato la loro offerta formativa: il Liceo Scientifico “Collegio Vescovile Barbarigo” di Padova con l’aggiunta dell’Opzione Scienze Applicate, e il Liceo Scientifico “Madonna del Grappa” di Treviso con l’aggiunta della Sezione a Indirizzo Sportivo. Due le Scuole Cattoliche FIDAE in Veneto che, purtroppo, hanno chiuso i battenti: la SSIG “Patronato Leone XIII” di Vicenza e il Liceo linguistico “Orsoline del Sacro Cuore” di Cortina d’Ampezzo (Belluno).

«Paritarie, strada ancora in salita»

Virginia Kaladich

Virginia Kaladich

«La strada è ancora tutta in salita per le nostre scuole – commenta Virginia Kaladich – e i tempi sono tutt’altro che facili. Basti pensare alla sentenza dello scorso luglio per l’applicazione dell’IMU alle scuole cattoliche di Livorno – una sentenza che vincola la libertà di scelta delle famiglie­ –, o alla riforma sulla “Buona Scuola” che seppure abbia regolarizzato moltissimi precari, di fatto è andata ad impoverire le risorse dei docenti delle scuole paritarie. Molti istituti del Veneto hanno subìto un vero e proprio esodo di personale docente: alcune scuole addirittura ne hanno perso dieci o dodici in un colpo solo».

«Le scuole paritarie hanno profuso e profondono grande impegno nella formazione e nella selezione del personale docente – prosegue la Kaladich – la Fondazione Bortignon anche per quest’anno ha selezionato i docenti per le provincie di Padova e Vicenza. Abbiamo assunto insegnanti quando lo Stato non assumeva, risolvendo moltissime situazioni di precariato, e ora, con l’applicazione della Riforma, ci vediamo impoveriti di importanti e valide risorse che scelgono il ruolo, e ci vediamo costretti a ricominciare daccapo».

«Questo fatto non può che rappresentare per noi l’ulteriore penalizzazione da parte dello Stato – continua la presidente della Fidae del Veneto – che si ostina a non riconoscere le scuole paritarie parte del sistema pubblico integrato e pertanto Scuola pubblica a tutti gli effetti. Desideriamo, anzi, chiediamo dignità per la scuola cattolica paritaria!»

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova. Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie