Menu

Disoccupazione giovanile: Veneto escluso dai fondi. Tasso al 23,7%

Pubblicato il 16 gennaio 2014 in Padova, Veneto

Giovani imprenditori  

«Non condividiamo assolutamente la spartizione dei fondi effettuata dal governo sul programma europeo Youth Guarantee (Garanzia Giovani) per affrontare la grande emergenza della disoccupazione giovanile. Un ragazzo su quattro sotto i 30 anni è disoccupato e due sono precari. Questi sono i dati del Veneto. Vengono invece premiate le solite regioni, dove innegabilmente c’è un problema di occupazione giovanile, ma è altrettanto vero che si tratta di un problema organico non dettato solo da questo momento di crisi. Per cui chiediamo che il Veneto e le altre Regioni penalizzate abbiano uguale trattamento».

A manifestare la contrarietà del Veneto alla ripartizione dei fondi del programma europeo Youth Guarantee è il presidente della Regione Luca Zaia. Sulla base di un criterio percentuale di disoccupazione dei territori per accedere alle risorse disponibili (per l’Italia 1,5 miliardi di euro), al Veneto vengono assegnati circa 28 milioni, mentre ad esempio alla Sicilia 200 milioni, alla Lombardia 200, alla Campania 215, al Lazio 153, all’Emilia Romagna 83.

L’impennata della disoccupazione giovanile

È sotto gli occhi di tutti l’impennata della disoccupazione giovanile negli anni della crisi, giunta a novembre al 41,6% tra i giovani attivi (comprendono occupati e disoccupati in cerca attivamente di lavoro, fra i 15 e i 24 anni), rispetto alla media Ue del 24,3%. Un quadro ancora più fosco se si considerano gli oltre due milioni di Neet, giovani tra i 15 e i 29 anni che in Italia non studiano, non lavorano e non si formano.

A Nordest tasso triplicato in 5 anni

Una curva tutta in salita anche nel Nord Est produttivo. In Veneto il tasso di disoccupazione giovanile è quasi triplicato in cinque anni, dall’8,4% nel 2007 al 23,7% nel 2012 (ultimo dato disponibile), con un balzo di 15,3 punti: quasi uno su quattro dei giovani attivi è senza lavoro. A Padova il salto è stato dall’11,4% al 20,7% (9,3 punti). Una situazione che, secondo il presidente dei giovani imprenditori di Confidustria Padova Rodolfo Cetera, a livello nazionale la politica sta ignorando. «Non c’è più tempo. Abbiamo atteso fin troppo un cambiamento mai arrivato. Servono azioni incisive subito. Governo e parlamento abbiano uno scatto di dignità e coraggio. Il dibattito suscitato dal Jobs Act si traduca in politiche attive, subito».

Appello alla politica dal mondo delle imprese

Dal Veneto manifatturiero arriva la frustrazione e l’appello alla politica per l’esclusione dall’accesso ai fondi della Youth Garantee (Garanzia Giovani), il piano europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile che porterà in dote all’Italia 1,5 miliardi tra 2014 e 2015 e che prevede per ogni giovane una proposta occupazionale o formativa. «È paradossale l’esclusione del Veneto – dichiara Cetera – unica regione in Italia, perché il tasso di disoccupazione giovanile nel 2012 era inferiore alla soglia del 25%, pur sfiorandola, e comunque superiore alla media Ue. È una penalizzazione inaccettabile. Il Veneto ha fatto meglio di altre regioni sul fronte dell’orientamento, della formazione, dell’integrazione scuola-lavoro, e questo oggi ci si ritorce contro. I parlamentari veneti si facciano carico di rappresentare questo paradosso e di verificare fino in fondo la possibilità che le province escluse siano ammesse ai finanziamenti di Garanzia Giovani attraverso le porte secondarie previste dal regolamento».

«Di quali altri segnali c’è bisogno per un cambio di passo? – conclude il presidente dei Giovani di Confindustria Padova -. Confindustria in modo responsabile ha fornito analisi, proposto interventi di politica economica e industriale, fatto richieste puntuali su revisione della spesa, costi della politica, taglio della pressione fiscale su lavoro e imprese. Con quale risultato? Equilibrismi e scarsa capacità decisionale, mentre il Paese affonda e il lavoro non si crea. La pazienza è al limite. Alle parole seguano fatti e riforme subito».

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211