La veneziana HNH Hospitality chiude l'anno fiscale a +47% con 105 milioni di euro

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

HNH Hospitality, tra i principali operatori indipendenti italiani nel settore dell’Hotellerie a 4 e 5 stelle con sede a Venezia, ha diffuso il preconsuntivo dell’anno fiscale chiuso lo scorso 31 ottobre 2023, registrando un volume degli affari complessivo delle gestioni dirette pari a 105,7 milioni di euro, in crescita del 47% rispetto a quello dell’esercizio precedente chiuso a 71,4 milioni.

L’Ebitda (che indica l’andamento dell’attività caratteristica) si è attestato a 16,2 milioni di euro (dai 10,2 milioni precedenti), con un margine del 15,3%, un punto in più da un anno all’altro. Dopo il periodo pandemico, il tasso di occupazione delle camere ha continuato a crescere ed è passato dal 41,3% del 2021 al 64,2% del 2022 al 73,5% registrato nel 2023. Un andamento analogo è stato registrato per il prezzo medio di vendita delle camere con l’aumento da 143 euro (2022) a 158,2 euro nel 2023.

“Siamo particolarmente soddisfatti di questi risultati” ha dichiarato Luca Boccato, Amministratore Delegato di HNH Hospitality, “nel 2023 abbiamo rafforzato la nostra crescita, superando per la prima volta i 100 milioni di fatturato. I dati assolutamente positivi sono la testimonianza dell’efficacia del nostro modello organizzativo, un portafoglio diversificato, sia per destinazioni, che tipologia di prodotto. Per il 2024 prevediamo un’ulteriore crescita del fatturato, a parità di perimetro, grazie ad un aumento, pur marginale, sia dell’occupazione che del prezzo medio di vendita delle camere. Stiamo lavorando per annunciare presto tre nuove aperture nel segmento business e city hotels. Amplieremo ulteriormente il nostro portafoglio, sia con riferimento alle destinazioni che ai brand con i quali collaboriamo in una logica di sviluppo sempre più multibrand” continua Luca Boccato, “dopo l’importante rafforzamento nel 2022 con l’apertura di Almar Giardino di Costanza, in Sicilia, il 2023 ha visto l’ulteriore consolidamento di questa strategia con una nuova apertura, il Pullman Almar Timi Ama Resort & Spa di Villasimius in Sardegna. Grazie a questa ultima acquisizione, il segmento dei Resort di Lusso nel 2023 ha aumentato il proprio peso all’interno del portafoglio, passando dal 25% del fatturato nel 2022 al 31% nel 2023”.

HNH Hospitality in Veneto conta tre hotel di proprietà (Park Hotel Brasilia, Hotel Indigo Venice e BW Hotel Tritone), oltre a due in locazione (Almar Jesolo, voco Venezia Mestre) e cinque in affitto di azienda (Indigo Verona, Crowne Plaza Padova, Crowne Plaza Venice East e Bw Ctc Hotel Verona).

Ti potrebbe interessare