Menu

Working Title Film Festival, al via con “Non ho l’età” e “The Harvest”

Pubblicato il 26 aprile 2018 in Cultura, Lavoro, Vicenza

 

Prende il via a Vicenza venerdì 27 aprile la terza edizione di Working Title Film Festival, il festival del cinema del lavoro promosso dall’associazione LIES – Laboratorio dell’inchiesta economica e sociale, con la direzione artistica di Marina Resta. Il festival durerà 5 giorni fino a concludersi il 1 maggio (qui il programma completo). Sono 32 i film in programma nelle tre sezioni del concorso internazionale: Lungometraggi / mediometraggi, Cortometraggi, Extraworks (film sperimentali e videoarte). Il 27 si comincia con due documentari in programma al Ridotto del Teatro Comunale Città di Vicenza (viale Mazzini 39).

Alle 19.00 Non ho l’età (Svizzera, Italia, 2017, 93’) di Olmo Cerri (classe 1984) sulle storie dei migranti italiani nella Svizzera del dopoguerra che scrivevano alla cantante Gigliola Cinquetti lettere colme di speranze e sogni infranti. Nel 1964 infatti Gigliola Cinquetti, al culmine del successo con la canzone “Non ho l’età” vincitrice del Festival di Sanremo, divenne oggetto di venerazione da parte di migliaia di italiani che emigravano in Svizzera. E che alla cantante inviavano lettere in cui le confidavano speranze, sogni, solidarietà, ma anche xenofobia and sfruttamento subiti. Quattro di queste lettere parlano di Carmela, don Gregorio, Gabriella and Lorella, che in questo documentario si raccontano.

Alle 21.00 sarà proiettato The Harvest (Italia, 2017, 73’) di Andrea Paco Mariani (classe 1983), un docu-musical sulla lotta dei braccianti sikh sfruttati dai caporali nelle campagne dell’Agro Pontino. Gurwinder viene dal Punjab, da anni lavora come bracciante delle serre dell’Agro Pontino. Da quando è arrivato in Italia, vive insieme al resto della comunità sikh in provincia di Latina. Anche Hardeep è in- diana, ma parla con accento romano, e si impegna come mediatrice culturale. Un docu-musical che, per la prima volta, unisce il linguaggio del documentario alle coreografe delle danze punjabi, raccontando l’umiliazione dei lavoratori sfruttati dai datori di lavoro e dai caporali.

Entrambi i registi, Olmo Cerri e Andrea Paco Mariani, saranno ospiti del festival e dialogheranno con il pubblico dopo la proiezione, a cui parteciperanno anche i segretari vicentini della Cgil Giampaolo Zanni, della Cisl Vicenza Raffaele Consiglio e della Uil Vicenza Grazia Chisin, sindacati che sostengono la kermesse.

I biglietti per le proiezioni al Teatro Comunale (viale Mazzini 39) sono in vendita, al costo di 6 euro, alla biglietteria del teatro stesso e, al costo 7 euro, alla biglietteria online sul sito www.tcvi.it (info: www.workingtitlefilmfestival.it, email biglietteria@tcvi.it, tel. 0444.324442).

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211