Menu

Fondazione Cariparo, testa a testa Muraro-Moschetti per la presidenza

Pubblicato il 14 marzo 2018 in Credito, Cultura, Padova

bando culturalmente  

Da una parte Gilberto Muraro, docente emerito di Scienza delle finanze ed ex rettore dell’Università di Padova, dall’altro l’avvocato tributarista Francesco Moschetti. È una corsa a due, quella che si profila per raccogliere l’eredità di Antonio Finotti alla presidenza di Fondazione Cariparo: il termine per presentare le candidature scade oggi a mezzanotte, ma salvo colpi di scena saranno proprio Muraro e Moschetti a contendersi la poltrona più alta dell’ente che controlla il 2,9% di Intesa Sanpaolo e un patrimonio di due miliardi. Le elezioni sono in programma a fine aprile, quando Finotti terminerà il suo ultimo mandato e verrà nominato presidente emerito. Annunciata da settimane, la candidatura di Muraro è rimasta a lungo in bilico: secondo il protocollo sulle fondazioni bancarie, infatti, la presidenza di una fondazione non può andare a chi ha ricoperto incarichi nelle banche su cui l’ente esercita un controllo.

Muraro, che guidava la Cassa di risparmio del Veneto dal 2014, si è dimesso lunedì e si è convinto a formalizzare la candidatura sulla scorta di un precedente che riguarda un’altra banca regionale del gruppo Intesa Sanpaolo, e cioè il passaggio di Giuseppe Morandini dalla presidenza della Cassa di risparmio del Friuli Venezia Giulia a quella di Fondazione Friuli, di cui banca Intesa detiene lo 0,4%. Insomma, l’incompatibilità riguarderebbe Intesa Sanpaolo e non le Casse di risparmio. Per questo, ritenendo la propria candidatura ammissibile, l’ex rettore ha sciolto le riserve.

Moschetti: «Serve esperienza sul territorio»

Lo sfidante di Muraro sarà Moschetti, avvocato che siede nel consiglio generale della Fondazione e che ha difeso l’ente in un recente maxi-contenzioso con l’Agenzia delle Entrate. «Credo che dopo tanti anni sia venuto il momento di affidare la presidenza a una figura incardinata nel territorio, con esperienza e sensibilità sociali come prime caratteristiche principali», ha detto Moschetti al Mattino di Padova, spiegando anche che la pluralità delle candidature è un aspetto «non secondario» per un ente come la Fondazione, «depositario di un metodo democratico che ritengo fondamentale».

Per Moschetti, la priorità è la lotta alla povertà: «I giovani, il lavoro, la natalità, la casa e molto altro ancora sono temi che devono ancora trovare piena rappresentanza negli organi direttivi della Fondazione». In queste settimane erano circolati con insistenza anche i nomi di Donato Nitti, docente emerito di Chirurgia generale e vicepresidente della Fondazione, e di Roberto Saro, segretario generale della Fondazione. Ma i diretti interessati, anche alla luce delle due candidature già formalizzate, hanno annunciato che non saranno della partita.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211