Menu

Veneto, occupazione come nel 2011 (ma i livelli pre-crisi sono lontani)

Pubblicato il 28 febbraio 2017 in Lavoro, Veneto

lavoro  

In Veneto l’occupazione nel 2016 ha recuperato il livello del 2011, con gli occupati con contratti di lavoro dipendente che sono risaliti a oltre 1,6 milioni, confermando i segnali di crescita già mostrati nel corso del 2015. Una risalita dunque ai livelli antecedenti alla seconda fase della recessione. Ma i cui numeri sono però ancora lontani dai livelli pre-crisi del primo semestre 2008. È quanto afferma la “bussola” sul mercato del lavoro nel quarto trimestre 2016 curata da Veneto Lavoro (e disponibile a questo link).

Quarto trimestre 2016, saldo negativo

Il saldo tra assunzioni e cessazioni rilevato nel quarto trimestre del 2016 risulta negativo, come fisiologico nel trimestre di fine anno, per 42.600 posizioni di lavoro, si legge nella ricerca. Si tratta tuttavia del miglior dato, in riferimento ai corrispondenti trimestri, dal 2009 ad oggi, fatta eccezione per il 2015 che ha rappresentato un trimestre record grazie soprattutto agli incentivi per le assunzioni a tempo indeterminato.

Su base annua, il saldo è invece positivo per 27.500 posizioni di lavoro, che sommate alle 41.000 del 2015 portano a +70.000 il bilancio del biennio 2015-2016. Le assunzioni sono diminuite su base annua (-4%) ma aumentate nel quarto trimestre del 2016 (+1%). Stessa tendenza per le cessazioni: -2% su base annua e +4,5% nel periodo ottobre-dicembre.

Schermata 2017-02-28 alle 11.05.32

Per i contratti a tempo indeterminato si sono registrati segnali di stabilizzazione e consolidamento della “fiammata” dell’anno precedente: nonostante una diminuzione delle assunzioni (-46% il dato tendenziale del quarto trimestre), infatti, in termini di stock le posizioni di lavoro si sono mantenute sui livelli raggiunti a fine 2015 e il saldo annuo si è rivelato ancora positivo, seppure lievemente (+1.400). In crescita apprendistato e somministrazione, mentre l’incremento dei contratti a tempo determinato è dovuto non all’aumento delle assunzioni (-2% su base annua), ma all’allungamento della loro durata media e alla relativa diminuzione di cessazioni e trasformazioni (-11%).

La crescita delle posizioni di lavoro ha interessato nel 2016 praticamente tutti i settori, salvo alcune significative eccezioni: tessile-abbigliamento, legno-mobilio, costruzioni, credito e Pubblica Amministrazione si sono confermati negativi o sono ritornati tali dopo i timidi segnali di ripresa mostrati nel 2015. A trainare la crescita sono invece agricoltura, commercio, turismo, ingrosso e logistica, istruzione.

Tra le cause di cessazione dei rapporti di lavoro, in aumento i licenziamenti (+7%), a fronte di una contestuale diminuzione delle dimissioni (-9%). Sul dato pare aver inciso l’introduzione dell’obbligo delle dimissioni online, in vigore da marzo 2016, che avrebbe spinto molti datori di lavoro, in particolare stranieri, a optare per la modalità burocratica ritenuta più agevole e rappresentata in questo caso proprio dal licenziamento.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211