Menu

Mercato dell’auto, il Veneto riprende a viaggiare

Pubblicato il 19 gennaio 2016 in Belluno, Economie, Padova, Rovigo, Treviso, Veneto, Venezia, Verona, Vicenza

auto  

Dopo 7 anni di crisi, il mercato automotive inverte la rotta. Da gennaio 2015 il settore in Veneto è cresciuto di mese in mese chiudendo l’anno a quota +15,36% e con oltre 121 mila auto immatricolate. Un trend positivo in linea con quello nazionale, dove il saldo gennaio-dicembre ha segnato un complessivo +15,8% rispetto al 2014. Secondo la classifica stilata da Confcommercio Veneto, sulle sette province della Regione svetta Belluno, con 5.562 mezzi acquistati e un comparto in crescita percentuale del +22,75% in 12 mesi.

Saldo positivo per tutte le province

Alla capolista Belluno seguono Vicenza (+18,32%), Verona (+15,20%), Padova (+14,73%), Venezia (13,84%), Rovigo (+13,53%) e Treviso (+13,21%), mentre, per numero di vendite in valore assoluto, la classifica è guidata da Padova, con 24.816 nuove immatricolazioni, e Verona, dove ne sono state registrate 24.640. Le due città, da sole, hanno raccolto oltre il 40% delle vendite totali in Veneto. Guardando all’andamento del singolo mese di dicembre, la miglior performance è sempre quella di Belluno, che, sotto Natale, ha registrato un +46,32% di auto acquistate. Dietro si posizionano Padova (+15,71%), Rovigo (+11,73%), Treviso (+17,02%), Venezia (+23,44%), Vicenza (+16,30%) e Verona (+14,91%).

Zanon: «Imboccata la via della ripresa»

«Il dato, già positivo nel primo semestre dell’anno, ci lasciava ben sperare ma gli ultimi numeri sono per noi una conferma – ha commentato Massimo Zanon, presidente di Confcommercio Veneto – ricordiamoci che la crisi finanziaria ha falcidiato il settore automotive mandando il fumo oltre il 45% del mercato italiano e, anche in Veneto, hanno chiuso sia concessionarie che autosaloni. Oggi finalmente possiamo dire che l’auto ha ingranato la marcia giusta e viaggia sulla strada della ripresa».

Sina: «Utilitarie il 50% delle vendite»

La ripresa del mercato, secondo Giorgio Sina, presidente del Gruppo Auto Moto di Confcommercio Veneto, è dovuta per lo più agli acquisti dei privati, concentrati, però, verso una specifica tipologia di veicoli: le utilitarie. «Bisogna evidenziare come il settore si stia risollevando particolarmente nei segmenti “A” e “B” – ha spiegato Sina – cioè nelle utilitarie, che coprono il 50% delle vendite complessive. Contestualmente, però, abbiamo assistito anche a una ripresa di interesse delle automobili più grandi e che negli anni scorsi erano state poste più in disparte». «È un segnale che aiuta – conclude – anche se una clientela piuttosto ampia attendeva da anni di poter cambiare veicolo sobbarcandosi nel frattempo spese sempre più ingenti per la manutenzione di quello vecchio».

Camilla Pisani

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211