Menu

Con l’aumento Iva consumi giù di 251 milioni in Veneto

Pubblicato il 26 settembre 2013 in Veneto

Tasse nascoste  

L’aumento dell’aliquota IVA dal 21% al 22%, previsto a partire dal primo ottobre, comporterà in Veneto una contrazione dei consumi di 61 milioni di euro nell’ultimo trimestre 2013 e di 251 milioni nel 2014, mentre gli investimenti si ridurranno di ulteriori 40 milioni di euro quest’anno e di 158 nel 2014. Nel complesso il Veneto perderebbe un’ulteriore quota di PIL stimata in 105 milioni nel 2013 e in 420 milioni a partire dal 2014.

A tracciare il quadro sugli effetti depressivi dell’aumento dell’IVA sull’economia del Veneto è il Centro Studi di Unioncamere del Veneto che, nell’elaborazione delle stime, ha adottato due modelli di simulazione chiamati MACROVEN, per gli effetti dei provvedimenti di natura fiscale sulla realtà economica e sociale del Veneto, e MICROVEN, che evidenzia l’impatto sul reddito delle famiglie.

Per quanto riguarda l’impatto sul reddito disponibile delle famiglie (quello che rimane per i consumi dopo il pagamento delle imposte dirette), l’aumento dell’aliquota IVA farebbe crescere l’incidenza di tale imposta dall’attuale 15,6% al 16,1% con uno scostamento del +0,47%. Gli effetti sarebbero più pesanti per le famiglie con reddito basso: lo scostamento sarebbe dello 0,82% per i nuclei familiari situati nel primo decile (dal 27,35% al 28,16%), mentre si ridurrebbe al +0,16% per le famiglie del decile più ricco (dal 5,36% al 5,52%). La presenza di aliquota IVA ridotta (10%) e minima (4%) alleggeriscono solo in minima parte l’incidenza del tributo sui decili più poveri, in quanto i beni gravati da aliquote agevolate (alimenti) sono consumati dall’intera popolazione, non solo dagli strati meno abbienti.

IVA

«L’aumento delle tasse non può essere la soluzione dei problemi relativi alla crescita e al superamento della crisi – evidenzia Gian Angelo Bellati, segretario generale Unioncamere del Veneto – . Occorre finalmente procedere col taglio selettivo e non lineare dei costi fissi e improduttivi di quelle Pubbliche amministrazioni che in alcune Regioni hanno spese altissime e che ad oggi, a livello centrale, non hanno contribuito come gli Enti locali alle varie spending review, come da anni dimostrato e richiesto da Unioncamere del Veneto».

A livello storico l’aumento dell’IVA sarebbe il settimo in 40 anni, da quando cioè la vecchia imposta generale sulle entrate IGE venne sostituita con la nuova imposta sul valore aggiunto IVA. Applicata all’entrata in vigore il primo gennaio 1973 al 12%, l’IVA è passata al 14% nel 1977, al 15% nel 1980, al 18% nel 1982, al 19% nel 1988, al 20% nel 1997 e, nell’agosto 2011, al 21%. Per evitare il nuovo aumento il Governo dovrebbe individuare risorse per un miliardo di euro nel 2013 e 4 miliardi dal 2014.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211