Menu

Agricoltura: cala la produzione, salgono i fatturati

Pubblicato il 17 gennaio 2013 in Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Veneto, Venezia, Verona, Vicenza

Un trattore  

Colture penalizzate e raccolti in calo soprattutto a causa della siccità, diminuzione del numero di imprese ma lieve aumento del fatturato che segnala una sostanziale tenuta del comparto: sono questi i segnali raccolti da Veneto Agricoltura sull’annata agraria 2012.

Il fatturato complessivo del primario veneto si è attestato su un livello leggermente superiore rispetto al 2011 (5,27 miliardi di euro+0.5%). Questo soprattutto a causa della crescita dei prezzi, tanto è vero che sui dati relativi alla produzione delle coltivazioni prevale il segno meno, a causa dell’andamento meteorologico sfavorevole. Diminuisce il numero delle imprese agricole (-2,1%, soprattutto ditte individuali mentre aumentano società di persone e di capitali); aumenta l’export di prodotti agroalimentari (+9%) e si riduce il deficit della bilancia commerciale (-32%). E la “professione” di agricoltore sembra tornata attraente: continua l’incremento del numero di occupati (+11%, più donne e dipendenti).

La contrazione delle aziende, nel dettaglio, ha interessato tutte le province ad esclusione di quella di Belluno; in particolare Padova (-3,1%) e Venezia (-2,9%) dimostrano perdite superiori alla media regionale. Verona, con 17.100 imprese agricole attive (-2,1%) si conferma la prima provincia in Veneto (23,5% delle aziende), seguita da Treviso (15.430, -1,2%) con il 21,2% e Padova (14.940 aziende), dove si localizza il 20,5% delle imprese agricole regionali.

La produzione coltura per coltura
Vediamo i risultati delle singole colture e degli allevamenti, come li riporta l’Azienda regionale nel suo outlook. Cereali: produzioni in aumento per i cereali autunno-vernini (frumento tenero +26%, frumento duro +11% e orzo +6%) e in diminuzione per quelli primaverili-estivi (mais -35%, riso -10%). Il mais si conferma prima coltura in Veneto con 270.000 ettari (+10%), in aumento anche la superficie a frumento tenero (+4%), mentre calano gli ettari coltivati a frumento duro (-5%), orzo (-9%) e riso (-15%).  Colture industriali: ripresa degli ettari per barbabietola da zucchero (+39%, produzione +23%) ma per il meteo cala la resa (-12%). Anche la soia ha sofferto la siccità estiva (-43%), calo dovuto anche alla contrazione della superficie (-11%); bene i prezzi di mercato piuttosto elevati soprattutto in corrispondenza della nuova campagna di commercializzazione. Male per tabacco (-37% conseguenza di una notevole diminuzione della superficie -46%), girasole (-13%) e colza (-16%).  Buona invece la tenuta per patate e ortaggi che confermano le superfici aumentando leggermente il valore della produzione (+1,2%). Mercati per queste colture sono stati altalenanti: il prezzo medio annuo ha subìto un calo per radicchio (-8%) e patata (-15%); rialzi invece per lattuga (+18%) e fragola (+24%). Le colture frutticole non ridono: melo -5%, pero -12%, pesco -13%. Tuttavia la minore offerta e la buona qualità del prodotto hanno consentito di spuntare prezzi vantaggiosi. La vitivinicoltura veneta ha subìto una contrazione produttiva significativa sia in termini di produzione di uva (-7%) che di vino (-13%) a causa dell’andamento meteorologico anomalo. La contrazione dell’offerta ha sostenuto però i listini, determinando per il terzo anno consecutivo l’aumento dei prezzi delle uve (mediamente +10%) e un’ottima tenuta di quelli dei vini. Risultati alterni ma complessivamente positivi per la zootecnia. Il prezzo del latte, la cui produzione si è da qualche anno stabilizzata intorno a 11 milioni di quintali, ha subìto una contrazione di circa il 5% dopo la ripresa dell’anno precedente. Bene le vendite di carne bovina e suina (rispettivamente +10% e +5%), stabili le quotazioni degli avicoli e in notevole aumento il prezzo delle uova. Ma, il forte incremento di prezzo di mais e soia nella seconda parte dell’anno ha ridotto significativamente il margine di redditività degli allevamenti. Pesca: in calo i quantitativi raccolti nei primi 6 mesi del 2012 da quella marittima a livello regionale (-3%), mentre il prezzo medio di vendita del pescato è sceso di circa il 9%.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211