Terres des Hommes

Da Venezia a Calalzo e Cortina con il trenobicibus delle dolomiti

Grazie al servizio di mobilità integrata TrenoBiciBus, è ora possibile viaggiare da Venezia alle Dolomiti in bici, treno e autobus. Fino al 7 settembre, ogni sabato, domenica e nei giorni festivi, lungo la linea Venezia Santa Lucia – Ponte nelle Alpi – Calalzo, saranno disponibili 74 posti bici. Da Calalzo, le biciclette potranno essere trasportate su autobus attrezzati, ciascuno con 20 posti bici, che permettono di raggiungere destinazioni come Alleghe, Palafavera e Nevegal. Questo servizio è il risultato della collaborazione tra Regione del Veneto, Trenitalia e DolomitiBus e ha ottenuto un crescente successo, con una media di 300 viaggiatori al giorno nei weekend e festivi, e 55 bici per viaggio. L’iniziativa sottolinea l’impegno verso una mobilità green, sostenibile e intermodale, rispondendo alle esigenze di pendolari e cicloturisti.

La Vicepresidente della Regione del Veneto e Assessore alle Infrastrutture e Trasporti, Elisa De Berti, ha anche annunciato che “Oltre al TrenoBiciBus delle Dolomiti, da Venezia a Calalzo, i ciclisti possono trovare il TrenoBici delle Dolomiti, che nei giorni feriali, dal 10 giugno al 5 settembre, da Belluno a Calalzo, mette a disposizione 30 posti bici per raggiungere le ciclovie del bellunese – ha aggiunto la Vicepresidente –. L’offerta in Regione è integrata da oltre 1000 posti bici sulla linea Venezia – Verona, quasi 900 sulla Bologna – Brennero e dal servizio speciale TrenoBici Mantova, che nei festivi dal 31 marzo al 26 ottobre, consente di trasportare 15 biciclette da Venezia a Mantova. Con 6.240 posti bici disponibili ogni giorno sui treni del Veneto, pari a un quarto dell’offerta nazionale di Trenitalia, intendiamo continuare a promuovere questa modalità di spostamento sostenibile in un territorio sempre più bike-friendly”.

Ti potrebbe interessare