Gemmo a patrocinio della mostra "Teatralità" inaugurata a Palazzo Reale

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Gemmo, azienda leader in Italia nella realizzazione e gestione di impianti tecnologici complessi per infrastrutture strategiche pubbliche e private con sede a Vicenza, è main sponsor della mostra di Patrizia Mussa “Teatralità. Architetture per la meraviglia”, al Palazzo Reale di Milano, dal 6 dicembre 2023 al 4 febbraio 2024. La mostra – a cura di Antonio Calbi, prodotta da Palazzo Reale e Studio Livio e promossa da Comune di Milano-Cultura – si apre in concomitanza con l’apertura della stagione scaligera ed è inserita nel programma della “Prima diffusa” del Teatro alla Scala.

L’artista, nelle dieci sale dell’Appartamento dei Principi, mostra 60 immagini di grande formato con interventi di coloritura a mano, che permettono di realizzare un percorso di analisi della teatralità in architettura: dai primi teatri di Vicenza, Sabbioneta e Parma – che segnano il passaggio dai teatri di corte agli edifici veri e propri – al Teatro alla Scala di Milano, dal Teatro San Carlo di Napoli al Teatro La Fenice di Venezia, dal Teatro Regio di Torino al Teatro Argentina di Roma, dal Teatro della Pergola di Firenze al Teatro Massimo di Palermo, unitamente ad alcune architetture che testimoniano la vocazione “teatrale” di certa architettura italiana, come la Reggia di Venaria, quella di Stupinigi, la Reggia di Caserta, Palazzo Grimani a Venezia.

Non solo: Gemmo ha realizzato anche una video opera coinvolgendo Alessandro Gassman, in qualità di interprete, e Luca Lucini, in veste di regista. La video opera originale sarà proiettata per la prima volta all’inaugurazione della mostra, alla presenza dei due artisti, ed è volta a celebrare nel loro insieme il teatro e la bellezza del patrimonio artistico italiano, sondate dalla mostra stessa e verso i quali Gemmo rivolge cura e competenze tecniche da più di 100 anni, attraverso le generazioni.  Gemmo affiancherà e sosterrà la mostra anche nelle sue successive tappe: dopo Milano, infatti, la mostra sarà a Matera, al Museo Nazionale, nel seicentesco Palazzo Lanfranchi; a Villa Zito, a Palermo, grazie alla Fondazione Sicilia; per proseguire poi nel 2025 a Roma e Vicenza.

Irene Gemmo, Presidente di Gemmo, dichiara: «Coniugare la nostra storia centenaria al dialogo continuo con la bellezza, in tutte le sue forme ed espressioni, è un vero privilegio, oggi esaltato dalla collaborazione con Patrizia Mussa e con il Comune di Milano per la realizzazione di questa mostra. Sono decine e decine i beni artistici e culturali che oggi vivono grazie alla tecnologia impiantistica, ai servizi di efficientamento energetico e di facility management di Gemmo, in un perfetto equilibrio tra arte, storia e tecnologia.» Gemmo è da oltre cento anni azienda leader in Italia nella realizzazione e gestione di impianti tecnologici complessi per infrastrutture strategiche come porti, aeroporti, ospedali, stazioni ferroviarie, tunnel, da sempre attenta al sostegno di iniziative culturali, artistiche e sociali.»

La società è impegnata nel settore dei beni culturali, lavorando anche su edifici di inestimabile valore storico ed artistico, su cui applica le più moderne tecniche di realizzazione e manutenzione impianti. L’approfondito know-how nella gestione e valorizzazione delle infrastrutture e dell’impiantistica ad alta complessità, nonché del loro efficientamento energetico, sono pertanto applicati a complessi monumentali e beni culturali architettonici, con una peculiare connotazione anche estetica.

Negli anni, Gemmo è intervenuta e sta intervenendo – tra gli altri – nel restauro e ripristino del teatro La Fenice a Venezia, nella ristrutturazione e gestione degli impianti della Reggia di Venaria, nell’efficientamento energetico di 91 siti archeologici e museali siciliani, nella realizzazione di nuovi impianti per l’Arena di Verona.

Ti potrebbe interessare