Coronavirus, dalla Regione 63 mln per Cig in deroga. Calzedonia e Geox chiudono gli store

Pubblicato il 11 Marzo 2020 in Pmi e Imprese, Regione, Veneto

 

Primi interventi a sostegno dell’economia per affrontare le ricadute dell’emergenza Coronavirus. Con 58 milioni di euro già disponibili, più altri 5,5 messi a disposizione da una variazione di bilancio approvata ieri 10 marzo, la Regione Veneto attiva le prime risorse per gli ammortizzatori sociali a tutela di occupazione e imprese. L’accordo sarà portato oggi all’attenzione della IX Commissione della Conferenza delle Regioni, come stimolo anche alla discussione nazionale.

«Non possiamo e non vogliamo che il virus metta in ginocchio il cuore produttivo d’Italia», ha dichiarato l’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan. «Dobbiamo preservare tutte le potenzialità produttive del sistema-Veneto, che vale oltre 160 miliardi di Pil, pronti a ripartire quando l’emergenza sanitaria sarà superata. Il primo strumento è tutelare il lavoro e le imprese, attraverso gli ammortizzatori sociali, in particolare nelle piccole aziende, con meno di 6 dipendenti, e nei settori non tradizionalmente coperti dalla cassa integrazione». Uno dei punti salienti dell’accordo è la previsione della possibilità di accedere anche con procedura semplificata agli ammortizzatori sociali e alla cassa integrazione in deroga.

VAI ALLO SPECIALE “#CASALAVORO. FARE IMPRESA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS”

Intanto in tutta la Regione si moltiplicano le chiusure di negozi ed esercizi commerciali. Sandro Veronesi, presidente di Calzedonia, aveva annunciato già ieri la chiusura di tutti i negozi del gruppo (che comprende anche i marchi Intimissimi, Intimissimi Uomo, Tezenis, Falconeri, Signorvino, Atelier Emé e gli outlet). «Poiché non vendiamo articoli di primaria necessità – ha spiegato Veronesi -, ci è sembrato giusto cercare di fare quanto in nostro potere, per tutelare al massimo la salute dei nostri clienti e dei nostri dipendenti». Anche Geox ha deciso di sospendere temporaneamente l’attività di tutti i propri 150 negozi a gestione diretta presenti in Italia, estendendo la prescrizione di chiusura anche ai giorni feriali e ai centri storici. Per ora fino a domenica prossima, in attesa di comprendere meglio l’evoluzione della situazione e riservandosi quindi di prorogare la chiusura, in linea con le scadenze indicate dal governo (3 aprile).

Ma si moltiplicano anche i sostegni economici e le donazioni in aiuto delle strutture sanitarie messe pesantemente sotto stress dalla diffusione del virus. Assindustria Venetocentro ha annunciato una donazione di almeno 100 mila euro per contribuire a contrastare l’emergenza sanitaria Covid-19, lanciando anche una raccolta fondi straordinaria tra i propri associati chiedendo a ciascuna impresa un contributo di 1.000 euro. Saranno destinati all’acquisto urgente di ventilatori polmonari per rafforzare le strutture di terapia intensiva, necessari ad affrontare l’emergenza per le Ulss di Padova e di Treviso. L’importo di 100 mila euro sarà reso disponibile già da oggi 11 marzo.





Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211