Nasce l’associazione per tutelare il sito Unesco “Colline del Prosecco”

Pubblicato il 23 Gennaio 2020 in Economie, Opportunità, Treviso

 

Gestire il nuovo sito Unesco del paesaggio delle colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, ottavo del Veneto iscritto nella prestigiosa lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Questo l’obiettivo di Colline Prosecco Unesco, l’associazione nata nel trevigiano con il motto «Non è solo casa mia. È patrimonio dell’umanità».

Il consiglio di amministrazione del nuovo ente è formato dalla dottoressa Marina Montedoro, dalla dottoressa Silvia Mion, dal sindaco di Tarzo Vincenzo Sacchet, dal sindaco di San Fior Bepi Maset, da Lodovico Giustiniani del consorzio Docg e Ivo Nardi della camera di commercio.

Quello che si aspettano gli addetti ai lavori non sarà un turismo di massa: i turisti, infatti, sono sempre più informati, esigenti, attenti all’impatto ambientale e interessati a una visita sostenibile per un vero turismo esperienziale.

Secondo le parole del presidente della Regione Luca Zaia, nel sito Unesco del paesaggio delle colline di Conegliano e Valdobbiadene non è prevista la realizzazione di nuovi alberghi – che aumenterebbe solo il problema della cementificazione selvaggia fatta negli ultimi decenni in Veneto -, poiché l’obiettivo è quello di puntare sulla valorizzazione delle strutture già presenti sul territorio, ristrutturando le casere abbandonate.

 

 



Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211