Brexit, per il sistema veneto costerà il 2,1% del Pil

Pubblicato il 1 Novembre 2019 in Pmi e Imprese, Veneto

 

L’incertezza derivante dal processo Brexit sta già producendo effetti su investimenti, finanza e programmazione futura in molti comparti industriali, e potrebbe pesare sul 2,1% del Pil veneto. Se ne è discusso a Padova, nel corso dell’incontro «Brexit: quali conseguenze per il sistema economico del Veneto?», organizzato da Unioncamere del Veneto ed Eurosportello Veneto, in collaborazione con Nuovo Centro Estero Veneto e Direzione Interregionale Agenzia Dogane Monopoli per il Veneto e il Friuli-Venezia Giulia.

Il Veneto è una regione molto legata al mercato inglese in cui nel 2018 ha esportato oltre 3,6 miliardi di euro di beni, ben il 15,6% del totale nazionale. La bilancia commerciale è rimasta costantemente positiva per 2,9 miliardi di euro. E’ evidente che la Brexit avrà ripercussioni sulle imprese venete, le cui esportazioni nell’ultimo anno sono aumentate del +2% e anche nel primo semestre 2019 del +7,5%, effetto delle maggiori scorte delle aziende inglesi per tamponare eventuali blocchi alle frontiere o compensare almeno temporaneamente l’eventuale impennata dei dazi.  I settori con maggiori vendite dal Veneto al Regno Unito sono quello dei macchinari (quasi 570 milioni di euro di beni venduti nel 2018 e un aumento del +6,3% rispetto all’anno precedente), delle bevande, in particolare dei vini (495 milioni, +4,9%), dell’abbigliamento (265 milioni, +9,2%), degli occhiali (258 milioni, +4,8%) e dei mobili (248 milioni, -5,9%).

Gli effetti diretti e indiretti prodotti dalla Brexit sull’economia del Veneto sono stati analizzati anche grazie ad un modello sviluppato da IRPET (Istituto Regionale Programmazione Economica della Toscana). Il sistema ha permesso di quantificare che il 2,1% del Pil veneto è attivato dai network intersettoriali e geografici che subiranno probabilmente modifiche a seguito dell’uscita del Regno Unito dall’UE, valore superiore sia alla media del Nord Est (1,8%) sia nazionale (1,4%).

«Unioncamere del Veneto non sta a guardare attendendo gli eventi sul futuro dell’economia europea e italiana a seguito dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, semmai si realizzerà, con o senza accordo. Con questo convegno abbiamo voluto comprendere e dare agli imprenditori una iniziale prospettiva per le scelte strategiche come l’export verso l’UK, gli investimenti diretti, la migrazione e la finanza – commenta Mario Pozza, presidente di Unioncamere del Veneto –. Abbiamo voluto anche fornire informazioni utili per i connazionali che vivono e studiano nel Regno Unito. Una cosa comunque è ben chiara a tutti: questa rottura nella creazione della “Casa comune europea” e interessi nazionali non coincidenti alimentano sempre più l’incapacità dell’Europa di governare a una sola voce nei negoziati internazionali come fanno invece Cina e USA».



Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211