Pfas, la Regione parte civile al processo contro la Miteni

Pubblicato il 15 Ottobre 2019 in Economie, Pmi e Imprese, Regione, Vicenza

pfas greenpeace  

La Regione Veneto vuole costituirsi parte civile nel processo penale sulla vicenda Pfas che inizierà il 21 ottobre 2019, e in seconda battuta l’11 novembre, di fronte al giudice per le udienze preliminari del tribunale di Vicenza. L’incarico è stato dato oggi 15 ottobre all’avvocato Fabio Pinelli del Foro di Padova.

Il procedimento vede imputati i vertici del consiglio di amministrazione della Miteni di Trissino, fabbrica indicata come la principale fonte dell’inquinamento che ha contaminato le falde acquifere del Veneto occidentale, e dell’International Chemical Investors S.E., attuale proprietaria di tutte le quote della holding che controlla la società, oltre ai vertici di Fluoro Fine Chemicals Team della Mitsubishi Corporation, società controllante di diritto di Miteni S.p.A. fino al 2009.

Tutti imputati, a vario titolo, per aver concorso a cagionare l’avvelenamento delle falde acquifere destinate al consumo umano nei territori contermini alla sede dell’azienda di Trissino e di aver provocato un disastro ambientale doloso.



Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211