Menu

Processo a Zonin e ex vertici BpVi, comune di Vicenza parte civile

Pubblicato il 21 Marzo 2019 in Credito, Vicenza

Gianni Zonin  

Il comune di Vicenza è stato ammesso dai giudici quale parte civile nel processo che vede imputati gli ex vertici della Banca Popolare di Vicenza, tra cui l’ex presidente Gianni Zonin. Il comune sarà parte civile in doppia veste, sia per il danno patrimoniale (in quanto azionista), sia per il danno non patrimoniale all’immagine.

L’avvocato Giovanni Caruso, che difende l’ente, lo ha comunicato al sindaco Francesco Rucco mentre ancora il collegio stava leggendo l’ordinanza nell’aula bunker di Mestre.

«Certo è presto per parlare di vittoria – commenta Rucco – ma non nego la soddisfazione per una ammissione che non era scontata. La nostra costituzione era doverosa, sia in difesa degli interessi del Comune, in veste di azionista, sia soprattutto per ciò che la nostra Città ha subito in termini di danno di immagine dal crac di una banca in cui il territorio aveva riposto la propria fiducia. Tanti, troppi sono i risparmiatori truffati che aspettano giustizia e che, al di là del ristoro economico, attendono anche che vengano riconosciute le responsabilità di un disastro».



Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211