Menu

Per Banca Ifis richieste di credito raddoppiate nell’ultimo trimestre

Pubblicato il 8 Gennaio 2019 in Credito, Venezia

Giovanni Bossi  

Banca Ifis rivela numeri in crescita, con richieste di credito in crescita del 101% nell’ultimo trimestre del 2018 rispetto ai tre mesi precedenti, incremento che arriva al 53% rispetto allo stesso periodo del 2017. L’istituto di credito con sede a Mestre ha perfezionato l’acquisto di Fbs, il quarto operatore italiano specializzato nella gestione di Npl ipotecari e corporate, cioè i crediti deteriorati.

Un settore in cui Ifis è specializzata, con un portafoglio complessivo che ha raggiunto i 23,5 miliardi di cui 16,8 di proprietà e 6,8 in gestione. Inoltre la banca veneta si è affiancata alla società pubblica Sga nella gestione di parte dei 18 miliardi di euro di crediti deteriorati arrivati dalle banche popolari venete in liquidazione.

Proprio il vuoto lasciato dal crollo delle ex popolari sarebbe sfruttato ora da Ifis per ampliarsi: «Evidentemente siamo visti come una banca che dà soluzioni – dice l’amministratore delegato di Banca Ifis Giovanni Bossi, nella foto – in un territorio dove l’assenza di Popolare Vicenza e Veneto Banca si fa ancora sentire e dove però la capacità di reazione delle imprese è notevole».



Puoi leggere anche

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211