Menu

Ristoranti e consorzi bravi sul web: Venissa e Asiago Dop nella top 10

Pubblicato il 21 settembre 2018 in Economie, Fisco e consumi, Venezia, Vicenza

 

hanno siti web ricchi di contenuti e ben indicizzati, pagine Facebook aggiornate con grande frequenza e profili Instagram e Twitter attraverso cui dialogano tutti i giorni con migliaia di follower. Sono i «Best Restaurant on Digital 2018» e i «Best Typical Product on Digital 2018», i migliori locali italiani stellati e i migliori consorzi selezionati da «The Italian Data Flavour», la prima ricerca che, attraverso un puntuale studio dei dati, ha analizzato il grado di digitalizzazione della ristorazione stellata italiana e dei consorzi di tutela.

Nella top 10 dei ristoranti si posiziona all’ottavo posto Venissa, ristorante stellato nella cornice della vigna murata di Mazzorbo, a due passi dall’isola di Burano, in piena laguna. E c’è un’eccellenza veneta anche nella top 10 dei consorzi ti tutela dei prodotti tipici: il Consorzio di tutela del formaggio Asiago Dop è settimo a livello nazionale per capacità di sfruttare i canali social e web per farsi conoscere e apprezzare nel mondo.

L’indagine è stata ideata e realizzata da Fiera Bolzano, che da oltre 40 anni organizza Hotel, evento dedicato all’hotellerie e alla ristorazione (quest’anno si svolgerà dal 15 al 18 ottobre) in collaborazione con Noonic, agenzia padovana di consulenza strategica specializzata in ambito digital. Le premiazioni dei vincitori avverranno il 15 ottobre a Bolzano all’interno di un evento ospitato da «Hotel».

Le classifiche sono ricche di curiosità e di sorprese. Per quanto riguarda i ristoranti, ai primi tre posti nessun tristellato e nessuna star. A vincere infatti il titolo di «Best Restaurant on Digital» è Palazzo Petrucci (Napoli) con lo chef Lino Scarallo, seguito da Aroma (Roma) con Giuseppe Di Iorio e dal Ristorante Del Cambio (Torino) con Matteo Baronetto. Il «Best Typical Product on Digital» è invece il Gorgonzola Dop che ha primeggiato su Prosciutto di San Daniele e Patata di Bologna.

L’hotellerie evolve verso il digitale

«Quando in Italia parliamo di cibo e di turismo, vista la celebrità e l’elevata qualità dei nostri prodotti, l’interlocutore deve essere per forza di cose il mercato mondiale – analizza il direttore di Fiera Bolzano Thomas Mur – e in questo contesto è fondamentale avere un ottimo grado di digitalizzazione. Da anni Hotel ospita le migliori startup che in tutta Europa lavorano sul tema dell’ospitalità e organizza un Communication Forum che sta accompagnando l’hotellerie verso il digitale, un trend che ora inevitabilmente interessa anche ristorazione e produzione alimentare di alta qualità: per questo la premiazione dei ristoranti stellati e dei consorzi di tutela che hanno meglio interpretato il rapporto con il mondo digitale non poteva che avvenire a Bolzano nel corso di una manifestazione diventata punto di riferimento per chi vuole aggiornarsi su questo tema».

«Effettuando la ricerca “The Italian Data Flavour” ci siamo subito resi conto di quanto nel nostro Paese il rapporto tra ristorazione di qualità e digitalizzazione sia ancora tutto da costruire – spiega Nicola Possagnolo, food advisor e digital strategist di Noonic che assieme a Fiera Bolzano ha condotto il report -, ma al tempo stesso abbiamo individuato, altrettanto velocemente, che l’Italia a tavola ha degli autentici ambassador del digitale. Chef, marketing manager e social media manager in grado cioè di posizionare il food made in Italy, sia a tavola che in dispensa, con grande efficacia sul web».

Le top ten di «Italian Data Flavour»

La declinazione digitale del food assegna, sempre in un quadro di eccellenza, valori diversi da quelli delle blasonate guide enogastronomiche. Nel report capita di trovare cucine tristellate a metà classifica e storiche Dop relegate in fondo alla lista. Per individuare la scala valoriale finale sono state incrociate e sommate le cifre dei profili sui principali social network (Facebook, Instagram e Twitter) – dal numero di like e di follower, alle performance di engagement, di crescita e di interazione -, e sono stati analizzati i siti internet attraverso la Seo, la Mobile Optimisation, le versioni linguistiche presenti e per i ristoranti la possibilità o meno di effettuare (e in che modo) la prenotazione di un tavolo online. L’analisi ha prodotto le seguenti classifiche:

Ristoranti:

1) Palazzo Petrucci

2) Aroma

3) Del Cambio

4) Ilario Vinciguerra

5) Alice-Eataly Smeraldo

6) Osteria Francescana

7) Lume

8) Venissa

9) Da Vittorio

10) Villa Crespi

Consorzi di tutela:

1) Gorgonzola

2) Prosciutto di San Daniele

3) Patata di Bologna

4) Salame Brianza

5) Parmigiano Reggiano

6) Grana Padano

7) Asiago

8) Franciacorta

9) Asti Dog

10) Riso di Baraggia Biellese e Vercellese

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211