Menu

Broccoletto di Custoza: a Terra Madre un nuovo presidio Slow Food veneto

Pubblicato il 31 agosto 2018 in Cultura, Economie, Verona

Broccoletto di Custoza (via www.broccolettodicustoza.it)  

Il broccoletto di Custoza entra a far parte dei 304 presìdi Slow Food italiani. Il debutto avverrà a Terra Madre Salone del Gusto, che si terrà a Torino dal 20 al 24 settembre. La fiera sarà il palcoscenico per presentare 22 nuovi presìdi italiani protetti dalla Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus, piccole produzioni tradizionali che rischiano di scomparire e che vengono riscoperte. Sono otto le regioni che presentano nuove specialità: Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Marche, Campania, Puglia e Sicilia.

Il nuovo presidio Slow Food veneto, originario della frazione del comune di Sommacampagna, in provincia di Verona, è coltivato solo da otto agricoltori e un tempo era considerato una coltura di recupero per terreni aridi e sassosi. La pianta, a differenza da altri broccoli, non sviluppa il panetto fiorale tipico di queste specie, ma un cuore centrale di foglie.

Si raccoglie a mano e si consuma per intero, compresa la costola che è tenera e non filamentosa. Grazie alle sue caratteristiche e al gusto delicato e leggermente dolce, le famiglie di Custoza lo mangiano semplicemente scottato in acqua bollente, condito con olio extravergine e accompagnato da uova sode e salame.

Nel 2011 è nata l’Associazione produttori broccoletto di Custoza per iniziativa di un piccolo gruppo di persone, unite dal desiderio di tramandare la tradizione cinquantenaria dell’ortaggio.

Foto: via www.broccolettodicustoza.it

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211