Menu

Lupi, il Veneto sperimenta il radiocollare

Pubblicato il 26 luglio 2018 in Economie, Regione, Veneto, Verona, Vicenza

Photo by Michael LaRosa on Unsplash  

Il Veneto sperimenta il radiocollare per controllare i lupi sui monti tra Lessinia, Monte Carega a Altopiano di Asiago. Un’esperienza pilota in Europa, pensata per controllare il carnivoro che è tornato a popolare Alpi e Prealpi entrando spesso in conflitto con i pascoli e gli allevamenti della zona: sono 191 i capi uccisi dal lupo dal 1 gennaio a fine luglio 2018, quasi tutti ovini, eccetto 35 bovini e 12 asini, nel corso di 75 predazioni. Ammontano a 16.800 euro gli indennizzi disposti dalla Regione in risposta alle istanze ricevute fino al bimestre maggio-giugno. Per la realizzazione del progetto si preventiva una spesa di circa 150 mila euro nell’arco del biennio.

La proposta del radiocollare è frutto del tavolo regionale per la gestione del lupo e dei grandi carnivori, convocato a Venezia il 25 luglio, nell’ambito del quale l’assessore regionale all’Agricoltura Giuseppe Pan ha svelato la novità. Saranno catturati fino a dieci esemplari, tra la metà dell’estate e la fine dell’inverno, cui sarà montato un radiocollare permanente Gps-Vhf con sgancio da remoto che ne consentirà la geolocalizzazione. La misura ha avuto l’approvazione preliminare dal Ministero dell’Ambiente e dall’Ispra, nell’ottica di una gestione ‘proattiva’ dell’animale carnivoro.

Una app avviserà gli allevatori

«Si tratta della prima esperienza in Europa dell’utilizzo della telemetria per la mitigazione del conflitto tra uomo e lupo», spiega l’assessore regionale all’agricoltura Giuseppe Pan. «I sistemi di cattura e di immobilizzazione farmacologica sono già stati sperimentati con successo in Toscana e nel parco della Maiella. Ora, grazie al supporto scientifico del dipartimento di medicina veterinaria dell’Università di Sassari e alla collaborazione tra polizia provinciale, personale della Regione, personale del Parco, agenti dei Carabinieri Forestale, sarà possibile gestire un progetto di stretto monitoraggio degli spostamenti, di conoscenza dettagliata della consistenza e delle attività dei branchi, ma soprattutto di allerta agli allevatori: quando il lupo si avvicinerà alle aree di allevamento e di pascolo scatteranno ‘barriere virtuali’ e segnali di allerta in modo da avvisare l’allevatore e da scoraggiare il predatore con luci stroboscopiche e avvisi acustici».

Quanti sono i lupi in Veneto

I dati più aggiornati del monitoraggio con campioni genetici effettuato nella stagione invernale 2017/2018 nell’ambito del progetto Wolfalps documentano la presenza in Veneto di 6 branchi, per un totale di almeno 43 lupi, di cui 42 associati ai branchi e 1 vagante, campionato in Cansiglio al confine con il Friuli Venezia Giulia. La dimensione media dei 6 branchi monitorati è di 7 lupi, segno di una buona capacità riproduttiva della specie. La popolazione del lupo sulle Alpi Orientali, dal 2014 ad oggi, risulta in espansione sia a livello demografico sia spaziale: infatti, dalla presenza documentata di un branco in Veneto nel 2014/2015 per un totale di almeno 11 lupi stimati sul territorio regionale, si è passati ad un branco e una coppia nel 2015/2016 per un totale di almeno 14 lupi stimati, a 6 branchi nel 2017/2018 per un totale di almeno 43 lupi stimati in Veneto. Nel 2017/2018, 4 dei 6 branchi monitorati sono distribuiti lungo il confine regionale con la provincia di Trento.

Nell’arco alpino, versante italiano, la presenza del lupo è molto più consistente nel settore Nord-Occidentale, dove è stata censita la presenza di 46 branchi più 5 coppie, per un totale di 51 unità riproduttive e una stima di almeno 287 esemplari. La regione più interessata è il Piemonte, dove si concentra il 95 per cento dei lupi delle Alpi occidentali italiane: in provincia di Cuneo i branchi monitorati sono 19, in quella di Torino 13.

Foto: by Michael LaRosa on Unsplash

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211