Menu

Decreto dignità, coro di critiche dalle imprese venete a Di Maio

Pubblicato il 4 luglio 2018 in Commercio, Lavoro, Pmi e Imprese, Veneto

 

Riduzione della durata massima da 36 a 24 mesi e delle proroghe da cinque a quattro, reintroduzione delle causali a partire dal primo rinnovo, aumento del costo contributivo (+0,5% a rinnovo). Sono queste, in sintesi, le misure sui contratti a tempo determinato del «decreto dignità», varato dal ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio per contrastare il precariato. Misure che hanno subito sollevato un coro di critiche dal mondo delle imprese in tutta Italia. Il Veneto non fa eccezione: «Il decreto, se apparentemente difende il lavoro, di fatto indirettamente crea i presupposti che porteranno molte aziende a chiudere – dice Matteo Zoppas, presidente di Confindustria Veneto – Non siamo ancora usciti dalla crisi e ora molte aziende in bilico avranno il cappio al collo».

Ma la Cgil: direzione giusta

Per Agostino Bonomo, presidente di Confartigianato Veneto, il decreto dignità è un «atto ostile» alle imprese che produce «nuove complicazioni e il rischio di maggiori costi per chi intende avviare nuovi rapporti di lavoro». Il testo è giudicato «punitivo, sbagliato e dannoso» da Massimo Finco e Maria Cristina Piovesana, ai vertici della neonata Assindustria Veneto Centro: «La stretta sui contratti e la reintroduzione delle causali rischia di essere un boomerang. La “dignità” di cui il decreto si fa impropriamente portavoce punta a cancellare un percorso riformista che ha portato a valorizzare e regolamentare tutte le forme di lavoro, anche temporanee, che prima cadevano invece nel lavoro nero». L’unica sponda arriva dal mondo sindacale: Cristian Ferrari, segretario della Cgil Veneto, parla di «un primo timido passo nella direzione giusta» e bolla le critiche delle imprese come «strumentali e infondate».

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211