Menu

«Veneto Banca era insolvente», sentenza e nuova inchiesta

Pubblicato il 28 giugno 2018 in Credito, Treviso

Sede di Veneto Banca  

Nuovo colpo di scena nella vicenda del crac delle banche venete. La sezione fallimentare del tribunale di Treviso, in una sentenza del 26 giugno, ha stabilito che Veneto Banca era già insolvente alla data del 25 giugno 2017, il giorno in cui il consiglio dei ministri approvò il decreto che metteva in liquidazione coatta amministrativa per Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Era stata la procura di Treviso a presentare l’istanza accolta dal tribunale fallimentare. Che, in sostanza, afferma che l’istituto di credito di Montebelluna non era in grado di pagare i creditori già prima del decreto con cui la banca veniva ceduta a Intesa Sanpaolo.

La sentenza apre nuovi scenari. La prima conseguenza è scattata subito, con l’apertura da parte del sostituto procuratore Massimo De Bortoli di una nuova inchiesta. Indagine che per ora è a carico di ignoti, ma di fatto andrà a puntare i riflettori sulla gestione post-Consoli della banca. L’ipotesi di reato è bancarotta per distrazione, per l’erogazione o la conferma di crediti troppo “facili” stante la situazione patrimoniale della banca. Altra conseguenza di rilievo è che la nuova sentenza sull’insolvenza allunga i tempi di una possibile prescrizione.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211