Menu

Ottimizzazione fiscale, pratiche online per gli sgravi su ricerca e sviluppo

Pubblicato il 20 marzo 2018 in Fisco e consumi, Padova

Ottimizzazione Fiscale  

Un portale che nasce per semplificare la vita e tagliare la burocrazia per le Pmi e le startup che investono in ricerca e sviluppo. E che possono accedere agli sgravi fiscali previsti dallo Stato: è Ottimizzazione Fiscale, un progetto promosso dal venture accelerator Nuvolab, fondato dal padovano Francesco Inguscio, in collaborazione con lo Studio Conti Grilli Dottori Commercialisti di Milano, da poco lanciato su www.ottimizzazionefiscale.com. Il credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo è riconosciuto alle imprese di qualunque dimensione, settore e forma giuridica. Tutte le spese sostenute tra 2017 e 2020 e mirate all’innovazione di processi e prodotti sono agevolabili fino al 50% e fino a un massimo annuale di 20 milioni di euro l’anno per beneficiario. Ma è un’opportunità che non tutti conoscono. Per questo Ottimizzazione Fiscale offre un supporto concreto a chi fa innovazione, riducendo i tempi di elaborazione delle pratiche a poche settimane e garantendo un risparmio fiscale che per alcune aziende che hanno già certificato le loro spese con questo servizio è risultato di centinaia di migliaia di euro.

Il primo passaggio è la compilazione di un form sul sito di Ottimizzazione Fiscale, a quel punto i consulenti verificheranno se l’azienda ha i requisiti per accedere al credito d’imposta. Se la società soddisfa i requisiti minimi, un incontro faccia a faccia con i commercialisti consentirà di individuare gli investimenti per i quali si ha diritto all’agevolazione. Nell’arco di circa 3 settimane, promettono i promotori, saranno forniti all’azienda i documenti contabili certificati, fondamentali per l’accesso al credito d’imposta.

Per chi ha fatto investimenti nel 2017 e deve depositare il bilancio dell’anno passato, è già possibile richiedere l’accesso al credito d’imposta. L’art. 3 del Dl 145/2013 (modificato successivamente dalla legge di stabilità 2016 e dalla legge di bilancio 2017) riconosce infatti un credito di imposta a quelle imprese che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo a decorrere dal successivo periodo di imposta. La normativa prevede l’accessibilità al credito fino al 31 dicembre 2020.

Credito d’imposta per ricerca e sviluppo, le spese agevolate

Tra le spese agevolabili si possono trovare quelle in ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale, i costi per il personale, i contratti di ricerca con università, enti di ricerca, imprese, startup e Pmi innovative, le quote di ammortamento di strumenti e attrezzature di laboratorio, competenze tecniche e privative industriali.

Francesco Inguscio

Francesco Inguscio

«Con Ottimizzazione Fiscale – commenta Francesco Inguscio, CEO di Nuvolab – vogliamo dare un supporto concreto a tutte le aziende che credono nell’innovazione nel nostro Paese, non fermandoci solo alle startup ma arrivando a qualsiasi Pmi italiana. A volte l’unico ostacolo che separa chi vorrebbe innovare ma non lo fa e chi invece investe davvero in innovazione è la mancanza di conoscenza ed accesso agli incentivi che nel nostro Paese ci sono per chi fa ricerca e sviluppo. Noi vogliamo colmare questo “spread culturale”, avvicinando lo Stato agli innovatori italiani».

«La nostra partecipazione e il nostro contributo al progetto Ottimizzazione Fiscale sono in linea con l’evoluzione dello studio attuata in questi ultimi anni – aggiunge Dario Grilli di Studio Conti Grilli Dottori Commercialisti –: dal commercialista tradizionale all’offerta di un’ampia gamma di servizi strategici per l’innovazione. Nasce, infatti, dalla volontà di seguire i nostri clienti a 360 gradi, proponendoci con un ruolo centrale nella scelta, nell’integrazione e nella gestione della più opportuna rete di competenze. Tutto ciò per rispondere tempestivamente, nel modo più adeguato e dinamico (ma anche economico) alle diverse esigenze; guidando le aziende tra i meandri e le opportunità della burocrazia italiana e aiutandole a crescere e a svilupparsi nel modo migliore».

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211