Menu

Electrolux chiede la sospensione della solidarietà e più flessibilità

Pubblicato il 22 febbraio 2018 in Lavoro, Pmi e Imprese, Treviso

Electrolux Susegana  

Electrolux chiede la sospensione del contratto di solidarietà e un accordo per la flessibilità sull’orario plurisettimanale. Sono i punti trattati ieri 21 febbraio all’incontro tra il coordinamento nazionale di Electrolux riunito a Mestre. E si tratta di buone notizie per i lavoratori della multinazionale in Italia, compresi quelli della fabbrica di Susegana nel Trevigiano. Secondo Enrico Botter, segretario generale della Fiom Cgil di Treviso, «l’interruzione dell’uso dell’ammortizzatore sociale rappresenta una svolta positiva. Il superamento della crisi iniziata nel 2014 e la possibilità di una stabilizzazione della produzione e dell’occupazione nello stabilimento Electrolux di Susegana possono delineare l’avvio di una nuova fase».

A sindacati e lavoratori è arrivata da parte dell’azienda la richiesta di tracciare un accordo sull’orario plurisettimanale, ovvero sulla flessibilità. La proposta avanzata da Electrolux prevede 52 ore aggiuntive di flessibilità positiva da recuperare con una riduzione d’orario nel periodo di bassa stagione produttiva e rappresenta uno strumento previsto sia dal contratto nazionale che da quello aziendale. Le organizzazioni sindacali si incontreranno con i lavoratori dello stabilimento di Susegana nella giornata di venerdì 23 febbraio per discutere la proposta dell’azienda.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211