Menu

BpVi, maxi sequestro: 106 milioni, “risarcimento per 8mila soci”

Pubblicato il 6 febbraio 2018 in Credito, Vicenza

Banca Popolare di Vicenza  

La Guardia di finanza ha sequestrato 106 milioni di euro da un conto corrente intestato a «Banca Popolare di Vicenza Spa in liquidazione coatta amministrativa» presso Monte dei Paschi di Siena. Il sequestro, eseguito il 5 febbraio 2018, è stato disposto dal Gip di Vicenza su richiesta dei Pm che indagano sul crack BpVi Luigi Salvadori e Gianni Pipeschi: una misura cautelare destinata, nelle intenzioni degli inquirenti, per la maggior parte a risarcire i circa ottomila ex soci della banca popolare vicentina che hanno partecipato all’aumento di capitale del 2014.

Il sequestro ha di fatto svuotato la «bad bank» scaturita dall’affondamento di BpVi e dall’acquisto delle attività principali al prezzo simbolico di 1 euro da parte di Intesa Sanpaolo. Secondo gli inquirenti quei 106 milioni equivarrebbero a un profitto ottenuto illecitamente quando la banca contattò migliaia di azionisti, operazione vietata, proponendo loro l’acquisto di nuove azioni, senza somministrare loro il test di adeguatezza dell’investimento della Consob.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211