Menu

Treni regionali: arrivano wifi a bordo e 78 nuovi convogli (in 15 anni)

Pubblicato il 12 gennaio 2018 in Fisco e consumi, Infrastrutture, Regione, Veneto

trenitalia contratto regione zaia delrio  

Un miliardo di euro di investimenti e 78 nuovi treni per abbassare drasticamente l’età dei treni che viaggiano sui binari del Veneto. Con una novità curiosa: tutti i nuovi treni avranno il wifi e le prese elettriche funzionanti per gli utenti. Ma non sarà una rivoluzione immediata, perché gli obiettivi del contratto di servizio firmato ieri da Regione Veneto e Trenitalia per il trasporto pubblico su rotaia vanno spalmati sulla bellezza di 15 anni: dal 2018 al 2032.

L’accordo è stato firmato a Venezia alla presenza del ministro delle infrastrutture Graziano Delrio, del presidente della Regione Luca Zaia, dell’ad di Trenitalia Orazio Iacono, dell’ad di Fs Renato Mazzoncini e dell’assessore regionale ai trasporti Elisa De Berti.

Gli obiettivi del contratto Trenitalia-Regione

Il nuovo treno “Rock”

Con il contratto di servizio 2018-2032 (suddiviso in 10 anni rinnovabili per altri 5) si tracciano questi obiettivi: aumento della produzione da 14,6 a 15 milioni di TreniKm dal 2021; 78 nuovi treni: 47 Rock e 31 Pop (i primi saranno consegnati in meno
di 24 mesi) su un totale di 130 treni che rappresentano la flotta attuale; abbassamento dell’età della flotta da 16,3 a 6,2 anni nel 2021, per arrivare a un’età media inferiore ai 5 anni a fine contratto.

Gli investimenti previsti nel quindicennio sono in totale pari a 1 miliardo di euro: 619,1 milioni sono in capo a Trenitalia e 42,6 milioni, comprensivi di Iva, da parte della Regione Veneto per l’acquisto di nuovi treni; impianti di manutenzione per circa 60,3 milioni di euro; investimenti in tecnologie e informatica per 18,4 milioni; revamping dei treni già in esercizio per circa 59 milioni; per la manutenzione ciclica 248,5 milioni.

Gli interventi sulla linea

Lo sviluppo dell’offerta commerciale prevede questi interventi sulla linea. Per il 2020 razionalizzazione delle linee a bassa domanda e utilizzo dei km risparmiati e aggiuntivi su bacini a forte domanda e rivisitazione dell’offerta delle linee Portogruaro – Venezia, Padova – Venezia, Padova – Bassano e Padova – Montebelluna. Per il 2021 rivisitazione delle linee del Bellunese con collegamenti diretti verso Padova e Venezia.

I nuovi treni: arriva il wifi

Il nuovo treno “Pop”

I nuovi treni targati Trenitalia che saranno introdotti si chiamano Rock e Pop. Il Rock ha fra 602 e 700 posti a sedere massimi, circa 500 posti in piedi, 18 posti per le biciclette, 50 telecamere di videosorveglianza, riduzione del 30% dei consumi energetici rispetto ad oggi, il 92% di riciclabilità dei materiali, prese elettriche e wifi a bordo, accelerazione 1,1 m/s2.

I treni Pop avranno 321 posti a sedere al massimo, 188 posti in piedi, 8 posti per le biciclette, 32 telecamere di videosorveglianza, una riduzione del 30% dei consumi energetici, al 96% riciclabilità dei materiali, prese elettriche e wifi a bordo, accelerazione 1,01 m/s2.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211