Menu

Sicurezza, traffico e ambiente: al via due progetti europei per l’A22

Pubblicato il 15 settembre 2017 in Infrastrutture

Autostrada del Brennero  

Autostrada del Brennero prosegue il suo impegno in prima linea nell’attività di ricerca anche in ambito europeo. Il progetto C-Roads Italy, cofinanziato dall’Unione Europea, prevede di attuare e testare, in condizioni di traffico reali, sistemi in grado di far interagire i veicoli tra loro e con l’infrastruttura autostradale. Tutto avviene attraverso due applicazioni di guida automatizzata, una per veicoli leggeri, Highway Chauffeur, e una per mezzi pesanti, Truck Platooning. Scopo del progetto è determinare il loro impatto sulla sicurezza, sulla fluidità del traffico e sull’ambiente. I test saranno eseguiti anche in ambiente transfrontaliero, sulla rete autostradale austriaca, grazie alla collaborazione di Asfinag. C-Roads Italy prevede inoltre che venga attuata e testata un’applicazione di guida automatizzata anche in scenari combinati per mezzi pesanti e leggeri. Il progetto Ursa Major Neo punta invece al miglioramento della gestione del traffico merci sulla rete stradale TEN – T: l’insieme delle grandi direttrici che attraversano le singole nazioni europee.

Quattro le attività messe in campo da Autostrada del Brennero:

– lo sviluppo di un’app per informare gli autotrasportatori sulla disponibilità di stalli liberi presso le aree parcheggio Brennero, Sadobre, Rovereto sud e Campogalliano ovest;

– l’installazione di 5 nuove colonnine di ricarica per i gruppi frigo di mezzi pesanti presso il parcheggio di Rovereto sud; – l’installazione di 6 nuovi pannelli a messaggio variabile in corrispondenza degli accessi autostradali presso le stazioni di Bolzano sud (2 PMV), Verona nord, Mantova sud, Reggiolo-Rolo e Carpi;

– la predisposizione di un nuovo sistema di backup dati (disaster recovery) che verrà utilizzato nel caso eventuali emergenze impossibilitino l’attività del Centro Assistenza Utenza di Trento, grazie alla creazione di una piccola centrale operativa presso il Centro Sicurezza Autostradale di San Michele all’Adige (TN), con funzionalità piena per quanto riguarda la gestione del traffico.

Riduzione dei pedaggi per le moto

Altro capitolo è quello che riguarda le moto. Dal primo agosto 2017 è scattata la riduzione dei pedaggi autostradali per le moto. I motociclisti dovranno dotarsi di Telepass (Family) e associarvi una sola targa. I moduli saranno disponibili a partire da oggi in tutti i Centri Servizi Autostradali di A22. Autostrada del Brennero ha infatti aderito all’iniziativa sperimentale promossa dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in merito alla creazione di tariffe differenziate. Dal primo di agosto 2017, infatti, i motociclisti pagheranno il 30% del pedaggio autostradale in meno, a patto che si dotino di un Telepass (Family) da utilizzare esclusivamente in associazione alla targa registrata. Per dimostrare il corretto utilizzo, tutti i transiti effettuati avranno la rilevazione della foto della targa. L’adesione all’iniziativa esclude la possibilità di usufruire di altre agevolazioni già in essere come ad esempio il lo sconto dedicato ai pendolari “Brennerpass”. Per aderire c’è tempo fino al 15 ottobre 2017, previa sottoscrizione del modulo presso uno dei 6 Centri Servizi di Autostrada del Brennero. L’iniziativa, a carattere sperimentale, sarà attiva dal 1° agosto al 31 dicembre 2017.

Autostrada del Brennero, la semestrale

Presentata infine nella riunione odierna del Consiglio di Amministrazione di Autostrada del Brennero la situazione semestrale al 30 giugno 2017, che evidenzia importanti segnali positivi. «I dati del semestre – commentano congiuntamente il Presidente Andrea Girardi e l’Amministratore Delegato Walter Pardatscher – mostrano un risultato in linea alle attese e in costante miglioramento rispetto agli anni precedenti». Un risultato influenzato sia dall’andamento economico nazionale, caratterizzato dall’incremento della mobilità autostradale, che dalla firma del Protocollo d’Intesa tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e gli Enti territoriali pubblici soci della Società, del 14 gennaio 2016. Da allora le scelte, programmatiche, di bilancio e fiscali della Società seguono quanto previsto nell’Intesa. Il valore della produzione, che nel semestre appena concluso è risultato pari a 179 milioni di Euro (174 milioni nel 2016), ha registrato un incremento del 2,79%. Da gennaio a giugno 2017, sull’asse Brennero-Modena sono stati percorsi 2.280.645.950 km. Positiva l’analisi anche in termini di sicurezza. Nel decennio 2008-2017 si è registrata una riduzione del tasso di incidentalità (TIG) riferito al 1° semestre di quasi il 30%; nel primo semestre 2017 si rileva un valore di 18,64 corrispondente al minimo storico mai raggiunto prima. In questo senso hanno certamente contribuito le numerose iniziative e gli importanti investimenti che la Società ha da sempre attivato per mantenere elevati standard qualitativi sulla tratta. Non da ultima la manutenzione ordinaria, per la quale sono stati fatti, nel corso del primo semestre 2017, lavori per circa 24 milioni di Euro, e gli investimenti infrastrutturali di importo parti a oltre 7 milioni Euro.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211