Menu

Turismo a Venezia: extra Ue oltre il 50%, e spendono 1,2 miliardi

Pubblicato il 24 maggio 2017 in Turismo, Venezia

Turisti stranieri in Veneto  

Metà dei turisti che hanno visitato Venezia nel 2016 provenivano da paesi extra Ue, e hanno speso da soli 1,2 miliardi di euro. I flussi dei visitatori extra europei sono cresciuti, negli ultimi dieci anni, mediamente il doppio di quelli italiani ed europei. A presentare i dati è stato il Ciset durante il convegno «Il turismo extra Ue a Venezia» il 23 maggio 2017 all’Hotel Bauer organizzato da Global Blu, con la partecipazione, fra gli altri, dell’assessore al Bilancio del Comune di Venezia, Michele Zuin.

Damiano De Marchi, ricercatore senior del Centro studi sull’economia turistica, ha illustrato trend e analisi: «Si nota negli ultimi 10 anni una differenziazione della crescita media annua dei flussi turistici – spiega De Marchi – gli italiani infatti crescono mediamente la metà della crescita dei flussi europei mentre i flussi extra europei crescono mediamente il doppio di quelli europei portando la quota del turismo extra UE oltre il 50%».

Ecco come si ripartiscono i flussi turistici nel comune di Venezia in un confronto a distanza di dieci anni. Nel confronto fra il 2006 e il 2016 la quota degli italiani è diminuita (dal 16,2% al 14,0%), anche quella dei visitatori provenienti dall’Unione Europea si è contratta (passando dal 38,1% al 35,1%), mentre è cresciuta la quota dei turisti di Paesi che non fanno parte dell’Ue (dal 45,7% del 2006 sono saliti al 50,9% del 2016).

A: arrivi; P: presenze (pernottamenti)

 

Venezia, rallenta la Cina e crescono i coreani

I principali flussi extra Ue, secondo i dati provvisori della Regione Veneto raccolti dal Ciset, nel 2016 sono arrivati dagli Usa (13,7% dei turisti). Al secondo posto la Cina (4,2%) e al terzo posto crescono le presenze dalla Corea del Sud (3,4%). Quarto Paese di provenienza è l’Australia (2,9%), quinto il Giappone (2,7%), sesto il Brasile (2,2%). Gli altri principali Paesi extra europei assommano il 21,8% degli arrivi, fra Canada, Svizzera, Russia, Argentina, Messico e India.

«Possiamo osservare un rallentamento della crescita della Cina – continua De Marchi – mentre altri Paesi asiatici vedono una crescita importante. È il caso della Corea del Sud, che si posiziona al terzo posto scalzando il Giappone e dell’India, anch’essa in crescita sostenuta. Spostandoci in America Latina, vediamo che la crescita impetuosa del Brasile si interrompe nel 2015 mentre continua per Argentina e Messico. Infine, la Russia, nelle prospettive 2016 e previsioni 2017 sembra invertire la rotta (negativa) rispetto agli ultimi anni durante i quali è pesata la componente politica ed economica».

Quanto spendono i turisti

Circa 1,2 miliardi di euro è la stima della spesa dei turisti extra Ue a Venezia per motivi di vacanza nel 2016, in aumento del 17,2% rispetto al 2015, secondo i dati di Banca d’Italia elaborati dal Ciset. La spesa giornaliera media degli extra Ue è di 200 euro, il 25% in più del turista internazionale a Venezia (Ue sommati agli extra Ue).

I più «spendaccioni» in termini di spesa media giornaliera sono gli asiatici: cinesi, giapponesi, indiani seguiti dagli americani (Usa e Messico). La quota «shopping» è stimata al 21%. La quota di spesa è così suddivisa fra i Paesi di provenienza dei turisti: Usa 21,2%, Giappone 7,9%, Canada 7,9%, Australia 6,3%, Brasile 3,0%, Argentina 2,0% e Cina 1,8%.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211