Menu

Kaizen Institute entra nel World Economic Forum

Pubblicato il 11 maggio 2017 in Pmi e Imprese, Professionisti

world economic forum  

Kaizen Institute entra a far parte del World Economic Forum (Wef), fondazione senza fini di lucro e organismo internazionale che lavora con politici, imprenditori, accademici e altri leader con lo scopo di mettere a punto agende globali, regionali e industriali, capaci di guidare cambiamenti positivi sulle politiche sociali. A entrare a far parte del forum è l’istituto internazionale leader nel campo del miglioramento continuo. Kaizen Institute, con oltre 13 anni di esperienza in Italia e 30 nel mondo, è presente in più di 50 nazioni e lavora con oltre 400 professionisti.

In Italia, solo nel 2016 ha accompagnato 57 aziende lungo percorsi di miglioramento e innovazione continui e organizzato 10 training Kaizen Live Experience coinvolgendo più di 150 persone. Con all’entrata nel World Economic Forum, i vari Kaizen Insitute nel mondo si impegnano ad essere un membro contributivo e parteciperanno ai vertici regionali del World Economic Forum di tutto il mondo. «L’entrare a far parte di un organismo così riconosciuto è certamente motivo di orgoglio e allo stesso tempo di responsabilità per Kaizen Institute» spiega Bruno Fabiano, founding partner di kaizen institute italia, che ha sede a Bologna e lavora con aziende in tutta la penisola.

«Sono certo – aggiunge Fabiano – che sapremo portare la nostra esperienza concreta di azienda nel veicolare il miglioramento anche all’interno del World Economic Forum, fondazione che da decenni punta a portare nel mondo cambiamenti positivi a livello sociale ed economico. Già da tempo abbiamo utilizzato gli insight del Wef sulle competenze del futuro come, per esempio, le “21st Century Skills”, nel nostro format non convenzionale di training».

Il Wef è stato istituito nel 1971: allora fu l’economista tedesco Klaus Schwab a riunire per la prima volta 450 capi di stato e leader internazionali per quello che allora venne chiamato «European Management Symposium». Nel corso degli anni la fondazione è cresciuta di numero, arrivando a contare ora oltre mille membri, toccando temi – solo per citare gli ultimi in ordine di tempo –  quali flussi migratori, la cybersecurity, i cambiamenti climatici e la quarta rivoluzione industriale. Le imprese che entrano a far parte del Wef vengono scelte per la loro capacità di influenzare positivamente il proprio territorio.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211