Menu

Montagna: premio a Scarpa di Asolo per la calzatura “leggera” Ribelle Tech

Pubblicato il 2 febbraio 2017 in Pmi e Imprese, Treviso

scarpa montagna ribelle  

Da valle fino alla vetta senza mai cambiare scarpe. È l’intuizione al centro di Ribelle Tech, la calzatura da alpinismo nata della collezione del calzaturificio Scarpa di Asolo. Ribelle Tech sarà sugli scaffali in estate, ma ha già vinto il premio Ispo Awards come «Product of the Year 2017» nella categoria «Outdoor» all’interno di Ispo Munich, la più importante fiera al mondo per quanto riguarda gli sport invernali e l’outdoor. La premiazione è in programma a Monaco di Baviera durante la fiera che apre il 5 e chiude l’8 febbraio: ci andrà una delegazione di quasi 100 persone fra dipendenti dell’azienda, agenti e distributori.

Per la progettazione di Ribelle è stata essenziale la collaborazione di due assi dell’alpinismo, lo svizzero Ueli Steck e il valdostano Hervé Barmasse, volto noto anche come ospite della trasmissione Kilimangiaro. Con Ribelle si potrà partire da valle e arrivare in vetta utilizzando una scarpa che garantisce le migliori prestazioni di uno scarpone da montagna, la leggerezza di una scarpa da running e un comfort che non ha paragoni con nessun prodotto esistente. Nella parte superiore la calzatura ha le caratteristiche da scarpa da alpine running, mentre in quella inferiore, le prestazioni e le esigenze sono quelle richieste ad uno scarpone da montagna.

«L’innovazione è da sempre nel Dna aziendale – spiega Sandro Parisotto, ad e ceo di Scarpa –. Ed è proprio la voglia di dare risposte veloci alle esigenze di chi va in montagna che ci spinge a migliorare ogni giorno, a pensare prodotti che possano fornire soluzioni efficaci ancor prima degli altri. Così abbiamo operato finora e così continueremo a muoverci: anche Ribelle è nato sotto quest’ottica, quella di scardinare certezze precostituite e ampliare l’orizzonte di chi ama e vive la montagna».

Lo sviluppo del prodotto, durato quasi 2 anni, ha coinvolto la R&S gestita da Davide e Cristina Parisotto, figli di Luigi e Francesco, fondatori di Scarpa, ma non solo. «Oggi un prodotto, per essere vincente ed emozionare il cliente, ha bisogno di un piano di marketing che sappia trasmettere e rendere comprensibili i reali benefici che il prodotto può offrire al consumatore» afferma Marco Campagna, Responsabile Marketing SCARPA. A completare il successo di SCARPA a Monaco c’è anche la menzione d’onore per un altro prodotto, il Maestrale Rs2.

Scarpa Spa produce 900mila paia di calzature l’anno nelle linee Alpinismo, Arrampicata, Hiking-Trekking-Alpine Running, Lifestyle, Freeride, Telemark e Sci Alpinismo. Fondata nel 1938 da Lord Rupert Edward Cecil Guinness che fonda la Società Calzaturieri Asolani Riuniti Pedemontana Anonima (S.C.A.R.P.A.), l’azienda venne rilevata nel 1956 dai fratelli Luigi, Francesco e Antonio Parisotto. Il fatturato 2015 è di 79 milioni di euro. Considerando l’indotto, dà lavoro a quasi mille persone, delle quali metà sono dipendenti.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211