Menu

Veneto Banca e BpVi, per Dbrs sono a rischio senza aiuto esterno

Pubblicato il 25 gennaio 2017 in Credito, Treviso, Vicenza

Banca Popolare di Vicenza Veneto Banca  

Secondo l’agenzia di rating canadese Dbrs le due ex popolari Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza «potrebbero fallire senza aiuto esterno» e rischiano di crollare senza un intervento pubblico. Il duro giudizio è contenuto in un report intitolato “Debolezza protratta richiede ulteriore intervento” e reso pubblico il 24 gennaio 2017, che si focalizza sulle due banche venete e su Monte dei Paschi di Siena.

Il documento sottolinea le «prospettive economiche modeste» e un «elevato stock di crediti non performing» che grava sul sistema bancario italiano, caratterizzato da una fiducia degli investitori definita «volatile». «Gran parte del settore bancario italiano deve ridurre i costi e rafforzare i livelli di capitale» si legge nel report di Dbrs.

Positivo il giudizio sul decreto “salva Mps”, che ha stanziato 20 miliardi di euro a garanzia del sistema bancario, e che potrebbe «ridurre i rischi sistemici e ridurre le prospettive di una soluzione a livello di singola banca». Le mosse di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca in questo senso ci sono già state: la richiesta di poter accedere al salvagente di Stato è stata avanzata dai due istituti, e ha già ricevuto il via libera dalla Commissione Europea.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211