Menu

Treni regionali, prima classe addio: si cambia dall’11 dicembre

Pubblicato il 6 dicembre 2016 in Fisco e consumi, Infrastrutture, Veneto

treni pendolari  

Da domenica 11 dicembre 2016 sui treni regionali e regionali veloci del Veneto non ci sarà più la prima classe. Una buona notizia soprattutto per le migliaia di pendolari che ogni giorno utilizzano la ferrovia per spostarsi tra le città della regione: treni dove un vagone viene oggi riservato ai soli possessori di un biglietto di prima classe, posti che quasi sempre rimangono vuoti, suonando come una beffa per i tanti studenti e lavoratori che nel frattempo viaggiano in piedi, pigiati nei corridoi della seconda classe. Con le nuove regole ci sarà dunque più spazio per chi viaggia con biglietto o abbonamento di seconda classe.

Per i possessori di un abbonamento annuale di prima classe, invece, è previsto il rimborso della differenza rispetto al costo dell’abbonamento di seconda classe, per la quota parte relativa al periodo dal 11 al 31 dicembre 2016. Per ottenere il rimborso è necessario compilare un apposito modulo che si può trovare nelle biglietterie di Trenitalia.

La novità rientra nel pacchetto di nuovi orari e servizi che la Regione Veneto ha annunciato dopo accordi con Trenitalia e con i comitati dei pendolari, e che partiranno proprio l’11 dicembre. Di seguito le altre novità nelle principali linee ferroviarie della regione.

Linea Venezia – Verona/Rovigo

Sulla Venezia-Verona e sulla Venezia-Rovigo verrà lievemente ridotta l’offerta nelle fasce orarie di minore frequentazione in cambio di un potenziamento dei servizi nelle fasce di punta, anche con estensione delle periodicità di circolazione nei periodi natalizio, pasquale ed estivo, quando solitamente venivano cancellati alcuni treni utilizzati per lo più da studenti e lavoratori.

Per soddisfare l’esigenza di mobilità pendolare, attualmente intercettata da Freccia Bianca, circoleranno quattro nuovi treni senza fermate intermedie tra Vicenza e Verona per effetto del prolungamento delle tratte dei regionali Venezia – Vicenza (Verona 07:34 – Venezia 09:25; Verona 17:34 – Venezia 19:25; Venezia 06:35 – Verona 08:26; Venezia 17:35 – Verona 19.26).

Inoltre, con l’attivazione della tratta Alta Velocità fino a Brescia e la conseguente rivisitazione dell’orario a Verona Porta Nuova, l’intervallo tra i treni Regionali Veloci da e per Milano passerà da uno a sei minuti, consentendo un più agevole utilizzo dei treni regionali tra Venezia e Milano e viceversa. Per consentire una maggiore permanenza a Venezia, l’attuale treno in partenza dal capoluogo alle 00:03 per Verona sarà posticipato in partenza alle 00:35, mentre quello per Vicenza partirà alle 00:01. A entrambi i treni verranno assegnate le nuove fermate di Dolo e di Busa di Vigonza.

Linea Venezia – Belluno

Oltre a un aumento della circolazione dei treni nei giorni festivi ed estivi, la novità sulla Venezia-Belluno riguarda l’istituzione di un nuovo servizio, che sarà effettuato con un moderno convoglio Swing e con i seguenti orari: da Belluno partenza alle 05:40 (alle ore 10:20 nei giorni festivi) e arrivo a Venezia alle ore 07:36 (alle ore 12:15 nei giorni festivi); da Venezia partenza alle 17:35 e arrivo a Belluno alle 19:47, tutti i giorni.

Linea Bassano/Castelfranco – Padova

Circolerà un nuovo treno da Castelfranco (ore 07:13) a Padova (ore 07:47) per far fronte al forte affollamento del treno in partenza da Montebelluna alle ore 07:07.  Il treno delle ore 21:25 da Padova per Belluno fermerà anche a Campodarsego. Verranno ridotti i collegamenti nelle fasce orarie a minor frequentazione tra Treviso e Castelfranco, rendendo i treni originari da Castelfranco anziché da Treviso.

Sulla linea Treviso-Padova il regionale in partenza alle 07:17 dal capoluogo della Marca ritornerà all’orario “originario” delle 07:08, rientrando così nel cadenzamento e migliorando le coincidenze a Castelfranco. È stata anticipata la partenza da Bassano dei treni delle ore 06:40 e 07:40 che partiranno rispettivamente alle ore 06:36 e 07:36, in modo da arrivare qualche minuto prima a Padova. Inoltre, il treno delle 06:36 circolerà anche nei giorni festivi. Il treno in partenza tutti i giorni alle 11:40 da Bassano sarà anticipato alle ore 10:40, mentre quello da Padova delle ore 11:16 posticiperà la partenza alle ore 12:16.

In accordo con i comitati dei pendolari sono stati rivisti anche i collegamenti effettuati con i bus, riducendo i tempi di percorrenza attraverso la creazione di connessioni con i treni a Camposampiero (si potrà quindi utilizzare il treno nella tratta Padova – Camposampiero, notoriamente satura nei collegamenti stradali). In particolare:
– il nuovo bus VE441 da Bassano a Camposampiero delle 05:40 garantirà la coincidenza alle ore 06:50 con il regionale 5827 per Padova;
– il bus VE440 partirà da Camposampiero per Bassano alle ore 20:30 per i viaggiatori provenienti da Padova con il treno delle ore 20:07;
– il bus VE442 partirà da Camposampiero per Bassano alle ore 21:55 per i viaggiatori provenienti da Padova con il treno delle ore 21:25.

Linea Treviso – Venezia

Su richiesta dei pendolari, la mattina presto circolerà, in sostituzione dell’autobus, un nuovo treno in partenza da Treviso alle 05:07 con arrivo a Venezia alle 05:46.

Linea Treviso – Portogruaro

Sarà completamente rivista l’offerta sulla Treviso – Portogruaro: dalle 9 coppie di treni attuali si passerà a 10 coppie di treni nei giorni feriali (compreso il sabato), con orari più adeguati alle esigenze di mobilità. La domenica, considerata la limitata affluenza, in sostituzione delle attuali 4 coppie di treni, circoleranno 6 coppie di bus che garantiranno comunque un collegamento più frequente tra le due città.

Treviso/Portogruaro – Venezia Mestre

In via sperimentale e considerate le richieste di maggiori servizi, saranno introdotte due coppie di autobus che garantiranno il collegamento veloce tra Treviso e Mestre e tra Portogruaro e Mestre (con alcune fermate intermedie) nelle fasce orarie mattutine in cui RFI, il gestore della Rete, non dà la disponibilità della linea per la circolazione dei treni, riservando tali spazi ai lavori di manutenzione.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211