Menu

Pensioni, in Veneto 4 ricorsi contro il blocco delle rivalutazioni

Pubblicato il 5 dicembre 2016 in Fisco e consumi, Soldi, Veneto

Pensionati  

Lo Spi Cgil promuove quattro ricorsi “pilota” per recuperare integralmente i soldi persi con il blocco delle rivalutazioni delle pensioni, che in Veneto interessa circa 400mila pensionati. Il blocco delle rivalutazioni delle pensioni superiori a poco più di 1.400 euro mensili lordi negli anni 2012 e 2013 (blocco introdotto dalla legge Monti-Fornero) è stato “bocciato” dalla Corte Costituzionale con una sentenza che ha stabilito l’obbligo per lo Stato di risarcire i pensionati. Il governo Renzi, con la legge 109/2015, ha restituito una parte, in media il 20%, quanto dovuto, e solo agli anziani con un reddito compreso fra i 1.400 e i 3mila euro lordi mensili, che in Veneto sono circa 410mila (140mila uomini e 270mila donne).

Di qui l’azione legale dello Spi Cgil che, con i ricorsi pilota, punta su una nuova sentenza della Corte Costituzionale che imponga al governo di restituire in toto le rivalutazioni. «Certo con l’accordo firmato il 28 settembre scorso si è ripreso il cammino del confronto con il governo sul valore delle pensioni e sul sistema previdenziale – afferma Rita Turati, segretaria generale dello Spi Cgil Veneto –. Ma quella del blocco delle rivalutazioni rimane una partita aperta che pesa come un macigno sui redditi dei pensionati».

Secondo i calcoli del sindacato pensionati, le persone coinvolte devono ricevere arretrati per un importo medio di circa 3mila e 500 euro a persona. Tuttavia per sperare di poter ottenere gli arretrati è necessario fermare i tempi della prescrizione, per questo Spi Cgil ha lanciato la campagna “Occhio alla prescrizione” che consiste nell’inviare una raccomandata, con ricevuta di ritorno, all’Inps entro il 31 dicembre 2016.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211