Menu

Privacy a rischio su Skype: la scoperta dell’Università di Padova

Pubblicato il 7 novembre 2016 in Innovazione, Padova

Skype  

La privacy su Skype potrebbe essere a rischio. Sono i risultati di una ricerca condotta da un team internazionale che coinvolge l’Università di Padova, con il professor Mauro Conti che guida il gruppo SPRITZ – Security And Privacy Research Group, e lo studente Daniele Lain, la Sapienza Università di Roma (Alberto Compagno), e la University of California, Irvine (Prof. Gene Tsudik). In uno studio pubblicato recentemente su «arXiv», i ricercatori hanno mostrato che i suoni prodotti dalla digitazione sulle tastiere di computer fissi e portatili, se registrati durante una telefonata online, permettono ad un attaccante di ricostruire il testo digitato da una vittima ignara.

I software VoIP (Voice-over-IP, ovvero di telefonia attraverso la rete Internet), come Skype, Google Hangouts, e Viber, sono tra i programmi più utilizzati ogni giorno. Tra questi, Skype è sicuramente tra i più popolari nel mondo, con 300 milioni di utenti attivi ogni mese nel 2016. A questi utenti, che passano più di 3 miliardi di minuti ogni giorno in audio o videoconferenza, può succedere spesso di digitare informazioni sensibili, come ad esempio password, e-mail private, o altro testo che vorrebbero comunque tenere confidenziale. Lo studio mostra che la persona con cui stiamo effettuando la chiamata, se malintenzionata, può registrare il suono prodotto dalla pressione dei tasti e, tramite tecniche di machine learning, capire cosa abbiamo digitato sulla nostra tastiera.

Da sinistra: Daniele Lain e Mauro Conti

Da sinistra: Daniele Lain e Mauro Conti

Nella comunità di ricerca in cyber-security, era già noto che tra i diversi tasti delle tradizionali tastiere meccaniche ci fossero leggere differenze di suono, che permettono di capire quale tasto sia stato premuto da un utente. Finora, però, l’attaccante necessitava, oltre che di una buona conoscenza dello stile di digitazione della vittima, anche di posizionare un dispositivo di registrazione vicino alla tastiera della vittima.

«Il nostro lavoro mostra che tale registrazione è possibile anche da remoto, grazie ai software VoIP che, non alterando il suono dei tasti, ci consentono di effettuare l’attacco con successo», dice lo studente Daniele Lain, co-autore dello studio, recentemente laureatosi con il massimo dei voti presso la Laurea Magistrale in Informatica dell’Università di Padova.

“Spiare” dal suono dei tasti durante una call su Skype

Il team di ricerca ha mostrato, inoltre, che è possibile colpire anche vittime per le quali non si disponga di informazioni riguardo il loro stile di digitazione: tramite il suono dei tasti, è possibile determinare quale modello di tastiera stia utilizzando la vittima. Successivamente, utilizzando dati di addestramento presi da altre persone (ad esempio, complici dell’attaccante) su tastiere della stessa marca, si può ricostruire quanto la vittima ha digitato durante la chiamata con precisione allarmante.

«Non sempre le persone che parlano su Skype si conoscono, o godono di fiducia reciproca – spiega il professor Mauro Conti -. Si pensi ad esempio a chiamate tra avvocati di parti contrapposte, oppure a politici, diplomatici, o aziende concorrenti. La capacità dello studio di attaccare vittime potenzialmente sconosciute all’attaccante invita a non digitare informazioni sensibili durante chiamate VoIP, o ad utilizzare tastiere diverse dalle tradizionali tastiere meccaniche, come ad esempio tastiere olografiche e superfici touch-screen».

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211