Menu

Competence Center, il 30 la firma fra le 4 università venete

Pubblicato il 27 settembre 2016 in Cultura, Innovazione, Padova, Veneto, Venezia, Verona

le 4 università del Veneto  

È pronto l’accordo fra i quattro atenei veneti per la costituzione di un Competence Center nell’ambito del Piano Industria 4.0, che oggi 27 settembre 2016 il Presidente del consiglio Matteo Renzi ha presentato a Verona con il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda. Capofila del quartetto sarà l’Università di Padova, partendo dal progetto di visione Venice Innovation Hub for Re-startup Manufacturing che individua il Parco Scientifico Tecnologico di Venezia come primo centro d’insediamento delle attività per estendersi in fase successive ad altri poli infrastrutturali a Padova e Verona.

È stata fissata per venerdì 30 settembre, a Padova nell’ambito degli Open Innovation Days, la firma del memorandum d’intesa fra i Rettori dell’Università Ca’ Foscari Venezia, dell’Università degli Studi di Padova, dell’Università di Verona e dell’Università Iuav di Venezia.

Le direttrici strategiche di intervento del Piano Nazionale Industria 4.0 sono: Investimenti innovativi e Competenze, Infrastrutture abilitanti e Strumenti pubblici di supporto, Governance e awareness. Il Competence Center costituito dagli Atenei veneti si propone come centro di eccellenza, di assoluto valore internazionale, per promuovere i processi di ricerca e innovazione di una delle aree industriali più vitali del paese, favorirne la trasformazione e sostenerne la crescita e la competitività.

Competence Center in Veneto, i commenti dei rettori

Michele Bugliesi, Rettore Università Ca’ Foscari Venezia: «Ca’ Foscari ha creduto fortemente a questo progetto e contribuito a gettarne le basi grazie al lavoro congiunto fra le università, per favorire il più stretto coinvolgimento delle imprese, delle associazioni di categoria e delle istituzioni. Poter contare su un centro di insediamento, il Parco Scientifico e Tecnologico VEGA a Porto Marghera, consente di metterci subito al lavoro per declinare operativamente obiettivi e strategie. La collaborazione tra Atenei e imprese per l’accelerazione di processi di innovazione nei settori tecnologici è un passo importante e concreto per il rilancio del sistema imprenditoriale del Veneto e del Paese e in questo processo strategico e cruciale è il dialogo con il mondo della ricerca e delle università».

Alberto Ferlenga, Rettore dell’Università Iuav di Venezia: «Iuav ha partecipato con convinzione al progetto di Consorzio tra le Università venete all’interno del piano Industria 4.0. L’iniziativa si colloca dentro ad un processo, già in atto da tempo, di consolidamento dei rapporti con industria e Istituzioni che vede la nostra Università impegnata a partire dalle sue specificità come Design e Moda, e nel Vega e nella trasformazione futura di Porto Marghera, uno dei luoghi in cui prevedere le attività di promozione dei trasferimenti di conoscenza e tecnologia e di accelerazione d’impresa previsti nel piano. Si tratta ora di partire con il piede giusto, mettendo a frutto il lavoro e le relazioni costruite in questi anni per contribuire nel migliore dei modi a far sì che il rafforzamento del rapporto tra il sistema produttivo regionale, Istituzioni Università diventi un immediato volano di sviluppo e di innovazione».

Nicola Sartor, Rettore Università di Verona: «Siamo molto soddisfatti di esser stati giustamente inseriti in un programma nazionale che ci vedeva inizialmente esclusi. Sappiamo come la rete degli atenei veneti sia eccellente sul fronte della ricerca, come dimostrato da vari indicatori, e quanto il tessuto industriale veneto sia forte. Allo stesso tempo la presenza diffusa di piccole e medie imprese è un terreno particolarmente fertile per l’innovazione e la ricerca. Anche Verona ha delle eccellenti competenze in vari ambiti quali l’informatica, le biotecnologie agroalimentari oltre che l’organizzazione e la finanza».

Rosario Rizzuto, Rettore dell’Università di Padova: «Un successo del sistema Veneto. Essere inseriti nei competence center è una sfida che il nostro territorio ha saputo vincere. Ribadisco la mia soddisfazione per aver visto accettato il progetto che vede unite le Università del territorio, con l’Ateneo di Padova come capofila. In questo modo viene riconosciuto il valore della ricerca di base, del polo di ingegneria e in generale di tutti gli ambiti del nostro Ateneo. Ed è anche un grande esempio per il Veneto: muoversi in maniera unitaria, mettere insieme forze e competenze, porta ad ottenere i risultati prefissati. L’Ateneo di Padova ha contribuito in maniera operativa fin dall’inizio nella stesura di questo primo progetto che potrà poi essere allargato a tutte le Università del Nordest».

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211