Menu

Premio Marzotto, 698 startup in corsa

Pubblicato il 8 luglio 2016 in Innovazione, Opportunità

premio marzotto  

Si è chiuso il 27 giugno il bando della sesta edizione di Premio Gaetano Marzotto, la più importante competition italiana dedicata al mondo delle startup e dell’innovazione, che quest’anno grazie all’ingresso di nuovi importanti partner ha visto crescere ulteriormente il suo network e montepremi che, tra riconoscimenti in denaro e percorsi di affiancamento, ammonta a oltre due milioni e mezzo di euro. Prossime tappe: Ottobre con l’annuncio dei finalisti e il primo di Dicembre con la cerimonia di premiazione a Roma.

Premio per l’impresa, 352 startup candidate

Scendendo nel dettaglio: sono 352 i candidati con età media 40 anni per il Premio per l’impresa, che destina 300.000 euro in denaro e un percorso di affiancamento della Fondazione CUOA del valore di 25.000 euro alla migliore impresa innovativa capace di generare significative ricadute positive negli ambiti sociali, culturali, territoriali o ambientali; oltre a un secondo percorso di affiancamento di 20.000 euro da parte di 012Factory Academy per un selezionato. Il Premio per l’impresa è rivolto ai nuovi imprenditori che abbiano una società già costituita, un team consolidato, un mercato di riferimento interessante e un partner (incubatore, acceleratore) che ne accrediti il valore.

Un comitato di selezione – presieduto da Emil Abirascid, giornalista e fondatore di Startupbusiness, e composto da personalità del mondo dell’imprenditoria, della ricerca, delle istituzioni, delle università, della finanza, dei venture capitalist e della stampa di settore – individuerà i progetti finalisti e i vincitori saranno proclamati durante la finale del primo Dicembre 2016, da una giuria di imprenditori composta da Enrica Acuto Jacobacci, consigliere delegato Jacobacci & Partners; Alberto Baban, presidente Piccola Industria di Confindustria; Amulio Cipriani, CLN corporate advisor; Riccardo Illy, presidente Gruppo Illy S.p.A e vicepresidente Illycaffè S.p.A; Massimo Maccaferri, presidente Eridania Sadam e JCube; Gaetano Marzotto, presidente Pitti Immagine e Santa Margherita SpA, consigliere di amministrazione Hugo Boss, Zignago Holding S.p.A, Zignago Vetro, Alpitour; Ettore Riello, presidente AEFI e presidente Riello S.p.A.; Diana Saraceni, general partner Panakés Partners; Carlo Tunioli, presidente Fabrica e Francesco Zonin, vicepresidente Casa Vinicola Zonin S.p.A..

Dall’idea all’impresa, media età 31 anni

Sono invece 346 i candidati con età media 31 anni per il Premio dall’idea all’impresa, che destina 50.000 euro in denaro e un percorso di affiancamento del valore di 10.000 euro da parte di CUOA Business School al vincitore e, da quest’anno, 30.000 euro da parte di 42 Accelerator per un finalista e 20.000 euro in percorso di affiancamento da parte di 012Factory Acadermy per un altro finalista, oltre ai periodi di residenza all’interno degli incubatori affiliati che, grazie a Federico Barilli, segretario generale di Italia Startup e da questa edizione presidente del network, sono cresciuti a 30, per un valore complessivo di 923.500 euro.

Il Premio dall’idea all’impresa è riservato ai giovani fino a 35 anni di età massima e consiste in un riconoscimento in denaro e in percorsi di affiancamento all’interno di incubatori e acceleratori – quali AlmaCube/Bologna, BioIndustry Park/Colletto Giacosa (TO), BP Cube/Pesaro, Centuria/Cesena, Cesena Lab/Cesena, Città della Scienza/Napoli, ComoNExT/Lomazzo (CO), Consorzio Arca/Palermo, Digital Borgo/Pescara, Digital Magics/Milano, FabriQ/Milano, Fondazione Filarete/Milano, Future Food Ecosystem/Bologna, H-FARM/Roncade (TV), I3P/Torino, Impact Hub/Milano, Industrio Ventures/Rovereto (TN), JCube/Jesi (AN), LUISS ENLABS/Roma, Make a Cube3/Milano, M31/Padova, Parco Tecnologico Padano/Lodi, PoliHub/Milano, Polo Meccatronica/Rovereto (TN), Progetto Manifattura/Rovereto (TN), SELLALAB/Biella, Talent Garden/Padova, TIM #WCap/Roma, VEGA/Marghera (VE), 42 Accelerator/Torino – con programmi dedicati, per trasformare le idee in impresa.

Sono chiamati a partecipare persone fisiche, team di progetto e startup innovative.

infografica marzottoL’elevato numero di application, equamente distribuite tra le due categorie di Concorso, conferma che Premio Gaetano Marzotto è un appuntamento atteso, con un suo preciso seguito, considerato il Premio di riferimento per i nuovi imprenditori e costruttori del futuro che mirano a fare convivere innovazione, impresa e società in un’ottica sempre più spinta di condivisione tra grandi aziende e giovani imprese innovative. – dichiara Matteo Marzotto, presidente di Associazione Progetto Marzotto, promotrice dal 2010 dell’iniziativa. – La crescita dell’età media dei partecipanti è un dato su cui riflettere: l’Italia è un Paese che non investe ancora sufficientemente in ricerca, sviluppo, innovazione. Da parte nostra, puntiamo all’open innovation che insieme a Innovation Foundries stiamo sviluppando con FAST TRACK, grazie al supporto di nuovi partner industriali come BONOTTOEDITIONS, Illycaffè, Selle Royal e Z Cube, che vanno ad affiancare CLN Group, Gruppo Vinicolo Santa Margherita e SANTEX RIMAR GROUP, per un matching tra grandi aziende e giovani imprenditori”.

Premio Gaetano Marzotto è una competizione aperta a persone fisiche, team di progetto, imprese startup e imprese già costituite, che abbiano una nuova idea imprenditoriale a forte impatto sociale positivo, sul territorio italiano, ma con capacità di crescita internazionale. Ed è proprio sull’internazionalizzazione dei processi che si è concentrato quest’anno il Premio grazie all’ingresso di Amazon Launchpad, Aubay, Cisco, EY e IngDan. Oltre al Premio per l’impresa, al Premio dall’idea all’impresa, al Premio Speciale Unicredit Start Lab e al Premio Corporate FAST TRACK, l’edizione 2016 presenta 8 nuovi riconoscimenti: Amazon Launchpad Award, Premio Speciale Aubay Digital Innovation, Premio Speciale Cisco, Premio Speciale Consorzio Roma Ricerche, Premio Speciale EY, Premio Speciale Gala Lab, Premio Speciale IngDan Far Easy Development, Premio Speciale Invitalia. I vincitori saranno individuati dalle rispettive Giurie tra le 698 startup partecipanti.

 Dal 2010 a oggi, Premio Gaetano Marzotto ha elargito circa 5 milioni di euro, con 144 finalisti, più di 4200 application, 36 tra incubatori e acceleratori e un centinaio tra giurati e angels. Il Premio ha generato decine di milioni di euro di investimenti indiretti. – commenta Cristiano Seganfreddo, direttore generale dell’AssociazioneOra, con l’affiancamento di big corporate e partner internazionali, offriamo un’occasione straordinaria al sistema imprenditoriale italiano. Per nuovi capitani di Ventura”.

 La giuria sarà composta da Luca De Biase, giornalista de Il Sole 24 Ore; Giuseppe Di Piazza, giornalista del Corriere della Sera;  Federico Ferrazza, direttore Wired Italia; Stefano Gallucci, amministratore delegato Santex Rimar Group; Riccardo Luna, direttore StartupItalia; Salvatore Majorana, direttore technology transfer all’Istituto Italiano di Tecnologia; Ettore Nicoletto, amministratore delegato Santa Margherita SpA; Cosimo Palmisano, vicepresidente Decisyon e founder ECCE Customer; Massimo Russo, condirettore de La Stampa; Filippo Santelli, giornalista di la Repubblica e Massimo Sideri, giornalista del Corriere della Sera. Si chiude così la prima fase, quella di recruiting, a cui faranno seguito entro Settembre la preselezione delle proposte, in cui saranno individuati i progetti finalisti; il 4 di Ottobre i colloqui con i finalisti a Villa Trissino Marzotto, l’1 Dicembre la cerimonia di premiazione a Roma.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211