Menu

Antennatre, futuro appeso a un filo. Si lavora senza stipendio

Pubblicato il 22 luglio 2016 in Economie, Treviso

Antennatre  

I giornalisti di Antennatre continueranno a lavorare anche se lo stipendio di luglio probabilmente non arriverà. Ieri 21 luglio 2016 all’assemblea dei giornalisti convocata dal Cdr (la rappresentanza sindacale di redazione) e dal Sindacato dei giornalisti del Veneto si è fatto il punto sulla procedura di concordato in cui è finita la televisione locale dopo la brusca interruzione della trattativa fra l’attuale proprietario Thomas Panto e Roberto Paladin che con la sua Eu Regional Media si era fatto avanti per l’affitto di ramo d’azienda, salvo poi ritirare l’offerta dopo che Panto a sorpresa aveva deciso di presentare istanza di concordato preventivo.

Mario Conte, consulente di Antennatre, si è appellato ai dipendenti per assicurare un futuro alla storica tv. «Stiamo operando per salvare Antennatre e per questo chiediamo ai lavoratori l’ultimo sforzo. Tener duro fino a settembre, pur sapendo che allo stato attuale non ci sono i soldi per pagare lo stipendio di luglio. Ora più che mai è fondamentale garantire la continuità aziendale con la produzione e la messa in onda dei tg, in caso contrario si va a svilire il valore dell’emittente televisiva a scapito non solo della tutela occupazionale ma anche dell’interesse di eventuali compratori».

Questo in sintesi il pensiero espresso dal commercialista Mario Conte, consulente della proprietà nell’ambito della procedura concordataria richiesta a inizio giugno al Tribunale di Treviso, nell’ambito dell’assemblea a San Biagio di Callalta. Conte, accompagnato da Andrea Zappia di Unindustria Treviso, cui Antennatre è associata, ha scandito le tappe del percorso intrapreso allo scopo di assicurare un futuro alla storica tv della Marca: entro la prima settimana di agosto il deposito delle perizie di stima, affidate ad esperti del settore, per Lcn e frequenze con conseguente pubblicazione del bando, per le attrezzature e per il marchio e avviamento; entro la prima settimana di settembre l’apertura delle buste con le offerte pervenute. Finora sarebbero almeno tre i soggetti che hanno manifestato interesse al riguardo ma non vi è ancora alcuna formalizzazione ufficiale.

«Oltre al prezzo – ha affermato Conte – elemento premiante sarà il maggior numero di dipendenti assunti: criterio che Cdr e SGV hanno caldeggiato fin da subito con la sola preoccupazione di contenere le ricadute, che purtroppo con molta probabilità ci saranno, sul fronte occupazionale».

Antennatre, «proseguire sulla strada della responsabilità»

Conte ha risposto con franchezza e trasparenza a tutte le domande che gli sono state poste. I giornalisti, messi di fronte all’ennesima doccia fredda che la mensilità di luglio non verrà versata o nella migliore delle ipotesi lo sarà solo in parte – nonostante lo stesso Thomas Panto un paio di giorni fa abbia inviato una mail a tutti i dipendenti in cui asseriva esattamente il contrario – hanno deciso di proseguire sulla strada della responsabilità intrapresa finora, affrontando ancora una volta la prospettiva di lavorare senza stipendio, considerando che sono già sei quelli arretrati.

A chi ha chiesto se, giunti a questo punto, non sarebbe meglio il fallimento, Conte è stato chiaro: «Solo se c’è continuità si preserva il valore dell’impresa». Intanto con la Regione, dopo l’incontro di Cdr e SGV con il Presidente, Luca Zaia, e con l’Assessore, Elena Donazzan, si sta valutando la possibilità di accedere a strumenti di integrazione al reddito per i lavoratori.

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova. Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie