Menu

Veneto Lavoro: boom di assunzioni a maggio

Pubblicato il 18 giugno 2015 in Lavoro, Veneto

Lavoro  

Il Jobs Act e le decontribuzioni per tre anni per chi assume a tempo indeterminato danno la spinta alle assunzioni in Veneto. I dati pubblicati da Veneto Lavoro, l’ente strumentale della Regione Veneto, indicano che prosegue «ad un ritmo assai elevato» la crescita delle assunzioni con contratti a tempo indeterminato.

Boom del tempo indeterminato: 10 mila a maggio

A maggio 2015 le assunzioni con contratto a tempo indeterminato in Veneto sono oltre 10 mila 500 contro meno di 7 mila a maggio 2014: l’incremento è del 57% in dodici mesi. Cresce anche il numero di trasformazioni di contratti di altra tipologia in tempo indeterminato (+30%) e crescono in misura minore anche le cessazioni (+14%). A conti fatti il saldo è positivo: 2 mila 268 contratti a tempo indeterminato in più in un anno. Nel maggio 2014 invece il saldo registrato era negativo per 886 unità.

Facendo la somma dei primi cinque mesi dell’anno, da gennaio a maggio 2015, il saldo è di quasi 20 mila unità, mentre nello stesso periodo del 2014 era risultato pari a soli mille posizioni di lavoro a tempo indeterminato in più. Si tratta, afferma Veneto Lavoro, di «un cambiamento quantitativamente rilevante nell’orientamento della domanda di lavoro».

Grafico: Veneto, assunzioni con contratto a tempo indeterminato, dati giornalieri comulati 1 gennaio - 3 giugno

Grafico: Veneto, assunzioni con contratto a tempo indeterminato, dati giornalieri comulati 1 gennaio – 3 giugno

Frenano apprendistato e collaborazioni a progetto

A fronte dell’aumento importante di assunzioni a tempo indeterminato, le altre tipologie di rapporto di lavoro crescono meno o calano. Le assunzioni a tempo determinato sono in leggera crescita (+5% a maggio; +2% nell’intero periodo gennaio-maggio). Avanzano con forza, invece, le proroghe dei contratti a termine: +25% a maggio, +37% nei cinque mesi osservati.

L’apprendistato non decolla, e vede una riduzione dei contratti del 6% maggio e del 9% nel periodo da gennaio a maggio. Cala anche il lavoro intermittente (-6% a maggio). Anche il ricorso a contratti parasubordinati (per esempio i co.co.co.) si riduce del 32% a maggio e del 41% nel dettaglio per le collaborazioni a progetto.

Tirocini, lavori socialmente utili e borse di studio e lavoro vanno invece a gonfie vele: aumentano del 9% a maggio, del 17% nei primi cinque mesi dell’anno.

Nuovi assunti fissi: il 62% sono “stabilizzati”

Dai dati che vanno da gennaio ad aprile 2015, emerge come i nuovi accessi al tempo indeterminato si spiegano per il 34% con trasformazioni di rapporti di lavoro che prima erano precari, senza soluzione di continuità. In un altro 28% dei casi, l’ultimo precedente rapporto di lavoro era stato intrattenuto presso la medesima impresa, con soluzione di continuità ma concluso in genere a non molta distanza temporale dall’assunzione.

Sommando i due dati, dunque, emerge come nel 62% dei casi i lavoratori assunti a tempo indeterminato sono “stabilizzati” dall’azienda con cui avevano già lavorato in passato.

Tabella: assunzioni gennaio-aprile 2015, condizione precedente

Tabella: assunzioni gennaio-aprile 2015, condizione precedente

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211