Menu

Commercio, nuovo calo in Veneto: -0,6%

Pubblicato il 3 marzo 2014 in Belluno, Commercio, Padova, Rovigo, Treviso, Veneto, Venezia, Verona, Vicenza

Un carrello  

Nuovo calo del commercio al dettaglio in Veneto. Nel quarto trimestre 2013, sulla base dell’indagine VenetoCongiuntura condotta su un campione di 1.178 imprese con almeno 3 addetti, le vendite al dettaglio hanno registrato una flessione del -0,6% (+1,1% nel trimestre precedente) rispetto allo stesso periodo del 2012.

Non funziona nemmeno l'”effetto Natale”

Nell’ultimo scorcio del 2013 le vendite sono tornate a calare, alimentari compresi. Le famiglie venete hanno acquistato meno, risparmiando anche sul cibo, e a dicembre non è scattato neanche l’effetto Natale: negli esercizi specializzati le vendite di prodotti alimentari sono diminuite dell’1,8% rispetto allo stesso trimestre 2012. La contrazione della spesa alimentare rappresenta un segnale estremamente indicativo delle condizioni di difficoltà vissute dalle famiglie, in quanto è l’ultima ad essere intaccata in una situazione di crisi. Pesa sulle famiglie una pressione fiscale pari al 44,3% nel 2013, in realtà ben al di sotto del livello realmente percepito: per i contribuenti onesti la pressione fiscale “effettiva” ha raggiunto nel 2013 il 53,3%.

Zilio: subito tagli agli sprechi pubblici per liberare risorse

«Una soglia insostenibile – commenta Fernando Zilio, presidente Unioncamere del Veneto -. La causa va ricercata nell’incapacità del sistema pubblico di tagliare la spesa in alcune aree del Paese e a livello centrale, senza prendere a modello la virtuosità di aree più risparmiatrici come Veneto e Lombardia. Questa incapacità impedisce non solo la riduzione delle tasse, ma blocca crescita e sviluppo economico colpendo esclusivamente gli enti locali, senza intaccare invece le amministrazioni centrali. I nostri sforzi devono essere indirizzati ad un contenimento dei conti pubblici basato su costi standard e ottimali. Continua inoltre a preoccupare la tenuta del sistema commerciale in Veneto. Tra gennaio e dicembre 2013 le chiusure di esercizi hanno interessato quasi 3.900 negozi, oltre 10 al giorno considerando sabati, domeniche e altri festivi, con un saldo tra nuove aperture e chiusure negativo per quasi 1.400 unità. È fondamentale che le prime misure del nuovo Governo siano rivolte al rilancio del potere d’acquisto delle famiglie a reddito fisso ed all’avvio di un serio piano per la ripresa occupazionale».

L’unica crescita riguarda supermercati e gdo: +1,1%

La dinamica negativa dei consumi è ascrivibile alle categorie del commercio al dettaglio specializzato sia nella vendita non alimentare (-2,5%) che alimentare (-1,8%). L’unica variazione positiva, in linea con lo scorso trimestre, è stata registrata nei supermercati, ipermercati e grandi magazzini (+1,1%). Sotto il profilo dimensionale, le medie e grandi superfici di vendita hanno continuato a mostrare una variazione positiva (+0,7% contro il +2,6% del trimestre precedente), mentre gli esercizi di piccola dimensione una flessione del -3,3% contro il -2,9% precedente.

Prezzi sostanzialmente stabili o in lieve crescita

Lieve la crescita dei prezzi di vendita (+0,5%) con variazioni più marcate per supermercati, ipermercati e grandi magazzini (+0,8%), mentre il commercio al dettaglio alimentare e non alimentare hanno registrato una sostanziale stabilità (+0,1%). Sotto il profilo dimensionale +0,6% per le medie e grandi aree commerciali. Gli ordinativi hanno evidenziato una situazione di decrescita con una variazione pari a -1,3% (-0,2% nel trimestre precedente) su base annua. Dinamica positiva per supermercati, ipermercati e grandi magazzini (+0,6%), mentre la flessione maggiore è stata registrata nel commercio al dettaglio non alimentare (-3,1%). Migliore, seppur negativo, l’andamento del commercio alimentare (-1,9%). Sotto il profilo dimensionale, segnale di stabilità (-0,2%) per le medie e grandi superfici, mentre l’indicatore è risultato particolarmente negativo (-3,3%) per le aree commerciali di piccola dimensione. L’occupazione, in crescita nello scorso trimestre (+1,4%), ha subìto un’inversione di tendenza annullando l’incremento precedente (-1,4%), ascrivibile all’andamento registrato dalle imprese del commercio al dettaglio non alimentare (-3,2%). Negativo anche il commercio al dettaglio alimentare (-0,9%), mentre è risultata stabile la dinamica occupazionale nei supermercati, ipermercati e grandi magazzini.

Negativo il clima di fiducia per il prossimo trimestre

Torna negativo il clima di fiducia degli imprenditori per i prossimi tre mesi. Il saldo tra chi prevede un aumento e chi una diminuzione del volume d’affari e degli ordinativi è rispettivamente -42,5 punti percentuali e -37,9 p.p. (contro il -22,1 p.p. e -23,5 p.p. del trimestre precedente). In lieve crescita le previsioni sui livelli occupazionali che toccano il -11,8 p.p. contro il -12,7 p.p. del trimestre precedente, come per i prezzi di vendita attesi in ribasso (-1,5 p.p. contro il +5,1 p.p. del trimestre precedente).

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211