Menu

Il turismo veneto torna ai livelli record: +1,4%

Pubblicato il 12 novembre 2013 in Veneto

Treviso - Canale dei Buranelli  

Il mese di agosto ha riportato il sereno sul turismo del Veneto, messo in difficoltà da un primo semestre del 2013 caratterizzato dal tempo inclemente, che ha inciso pesantemente sugli arrivi degli ospiti.

Agosto, 2.675.536 arrivi, crescita del 7% rispetto all’anno scorso

«I dati definitivi e certificati di agosto – sottolinea l’assessore Marino Finozzi – parlano di 2.675.536 arrivi registrati, pari al 7 per cento in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno, che si sono tradotti in 14.136.982 presenze, ovvero –0,9 per cento rispetto al 2012. Il forte incremento degli arrivi ha riguardato tutti i comprensori turistici: mare +9 per cento, città d’arte +7,2 per cento, lago +6 per cento, terme +2,8 per cento e montagna +0,3 per cento. Sono tuttavia diminuiti ovunque i pernottamenti, però con la significativa variazione delle città d’arte: +7,6 per cento di presenze».

Gennaio-agosto: trend in crescita dell’1,4%

Se consideriamo l’intero periodo gennaio agosto, si sono registrati 11.900.229 arrivi (pari a +1,4 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), con 48.480.834 presenze (pari a –1,8 per cento rispetto ai primi otto mesi del 2012). Dentro questa cornice, aumentano del 3,1 per cento i turisti stranieri, mentre calano ancora(–1,9 per cento) quelli degli italiani, tendenza che si conferma anche per quanto riguarda i pernottamenti (+1,1 per cento gli stranieri e –6,9 per cento gli italiani). «Questi ultimi numeri confermano peraltro il trend all’accorciamento dei soggiorni, che è ormai una costante del turismo contemporaneo, dove ci si muove di più ma per periodi più brevi. Va peraltro sottolineato – dice ancora Finozzi – il buon risultato delle città d’arte (+3,6 per cento negli arrivi e +1,9.per cento nelle presenze) e delle località termali (+3,1.per cento negli arrivi e sostanziale stabilità nelle presenze)».

Sale ancora la presenza degli stranieri

Cresce ancora la percentuale complessiva dei turisti stranieri, che supera il 66 per cento del totale delle presenze, con Germania, Austria, Paesi Bassi, Regno Unito e Francia ai primi posti, ma con una crescite a due cifre di russi (+20,1 per cento ) e cinesi (+23,1 per cento), ma anche di australiani +(13,2 per cento), irlandesi (+ 12,8 per cento), sudafricani (+13,4 per cento) e sudamericani (+12,6)”. I dati confermano infine il calo delle strutture alberghiere di profilo qualitativo più basso ( meno 10 per cento negli alberghi a 1 o 2 stelle) e l’ottima performance dell’agrituristico, che cresce ancora dell’8,2 per cento.

Finozzi: «Si torna in pari con l’annata record»

«Con i numeri di settembre – conclude Finozzi – dovremmo tornare sostanzialmente in pari con quelli dell’annata record 2012, a conferma dell’apprezzamento del turismo mondiale per il Veneto. È pur vero che bisognerà vedere i reali effetti sullla redditività delle imprese, ma rispetto al resto d’Italia stiamo andand molto bene».

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211