Menu

Ue e libera circolazione lavoratori: sperimentazione veneta

Pubblicato il 17 luglio 2013 in Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Veneto, Venezia, Verona, Vicenza

Bandiera Ue  

Parte dal Veneto un’iniziativa per facilitare imprese e lavoratori nel processo di internazionalizzazione del lavoro in ambito Ue. Eurosportello Veneto, dipartimento Politiche Comunitarie di Unioncamere del Veneto, il sindacato dei consulenti del lavoro Ancl e l’Aniv, associazione degli ispettori di vigilanza, hanno aperto un tavolo tecnico di confronto con un obiettivo semplice ma dai risvolti essenziali: definire la busta paga unica integrata europea.

Una busta paga unica per tutti i Paesi dell’Ue

Il lavoro è sempre più al centro dell’agenda politica nazionale e comunitaria. L’internazionalizzazione delle aziende è una realtà così come la circolazione di lavoratori che per le opportunità di impiego e carriera non guardano più solo al loro Paese d’origine, soprattutto in questi ultimi anni di forte recessione. Ma cosa sanno i cittadini e le imprese della Ue di come funziona il mercato del lavoro in un altro Paese comunitario? Diritti dei lavoratori, tasse e contributi? A queste domande si può rispondere con il semplice strumento della busta paga unica integrata europea: un cedolino con una forma comune a tutti i Paesi Ue dove le voci relative agli aspetti previdenziali, assicurativi e contributivi abbiano la stessa posizione. Un’opera di semplificazione che porterà a chiarezza e alla riduzione dei costi per gli adempimenti burocratici.

Il tavolo tecnico per il cedolino integrato europeo

Il tavolo tecnico Eurosportello-Ancl-Aniv, già operativo, lavorerà in un primo tempo al confronto fra le buste paga in uso nei 28 Paesi dell’Unione Europea, coinvolgendo in un secondo momento aziende produttrici di software di calcolo per arrivare a proporre delle soluzioni tecniche agli enti preposti, Parlamento e Commissione europea in primis. «Il primo degli elementi essenziali per un’azienda è sapere quanto costa il lavoro: quale sia il peso del fisco e quanto effettivamente resti in tasca al lavoratore. Da qui il senso della nostra iniziativa» spiega Alessandro Bonzio, presidente di Ancl Veneto.

Bellati: sensibilizzare lavoratori e imprese, proporre soluzioni all’Unione

«Armonizzare le buste paga a livello europeo significa agevolare la libera circolazione dei lavoratori nel territorio dell’Unione europea, ma anche dare un impulso all’effettiva integrazione in tema di diritti dei lavoratori e loro mobilità – sottolinea Gian Angelo Bellati, segretario generale Unioncamere del Veneto –. Con questa iniziativa Eurosportello Veneto, che coordina il consorzio del Nordest della rete Enterprise Europe Network, vuole sensibilizzare imprese e lavoratori sull’importanza e sui vantaggi di appartenere all’Europa, ma anche proporre soluzioni alle autorità comunitarie che hanno sede a Bruxelles per aumentare il dialogo fra istituzioni e cittadini europei».

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211