Menu

È veronese la nuova “casa dei delfini” all’acquario di Genova

Pubblicato il 22 luglio 2013 in Veneto, Verona

 

Planex, società veronese che opera nell’ambito dell’ingegneria impiantistica, ha progettato insieme all’architetto Renzo Piano la nuova Casa dei Delfini all’Acquario di Genova, nome ufficiale “Padiglione dei Cetacei”, che sarà inaugurata al pubblico il prossimo venerdì 26 luglio.

Una “casa” a due piani per i cetacei dell’acquario di Genova

Il Padiglione ha un’altezza totale di 23 metri, 10 dei quali sotto il livello del mare, ha base rettangolare, una lunghezza di 94 metri e una larghezza di 28, due torri laterali (alte rispettivamente 10 e 13 metri) e una parte centrale, alta circa sei metri, dei quali tre completamente vetrati. All’interno grande spazio viene dedicato ai cetacei che possono contare su quattro vasche a cielo aperto. Il percorso di visita è strutturato su due livelli: il primo permette di avere una visione della main pool direttamente dall’alto e, attraverso una parete espositiva di 30 metri, consente di ascoltare in presa diretta i suoni e i modi di comunicazione adottati dai delfini.

Strumenti di calcolo sofisticati per il benessere degli animali

Nel dettaglio, Planex si è occupata della modellazione energetica, della progettazione definitiva ed esecutiva degli impianti, anche lungo il percorso espositivo dei visitatori, nelle vasche dei delfini, all’interno dei locali tecnici e nei percorsi di collegamento con le strutture esistenti. Il complesso progetto sviluppato da Planex ha richiesto l’impiego di avanzati strumenti di calcolo per garantire condizioni idonee ai delicati cetacei e, nel contempo, per ottenere la massima efficienza energetica e affidabilità degli impianti. Il progetto ha dovuto poi integrarsi alle esigenze di spazio e alle condizioni ambientali che caratterizzano l’Acquario di Genova, struttura con caratteristiche tipicamente navali. Oltre agli aspetti energetici, Planex ha curato altri aspetti fondamentali per il benessere degli animali, tra i quali l’isolamento dalle vibrazioni che ha richiesto particolari scelte sia per gli impianti termofluidici che per quelli elettrici.

Planex è stata scelta per il progetto di questa importante e prestigiosa struttura, grazie alle sofisticate metodologie progettuali e al suo know-how negli impianti complessi e nei loro aspetti ambientali ed energetici, ricevendo in tal modo un meritato riconoscimento per anni di ricerca e sviluppo che l’hanno condotta a diventare leader tra le società di progettazione impiantistica.

 

 

 

 

Foto:  Costa Edutainment PH Merlofotografia

Puoi leggere anche

Più letti

Copyright © 2016 VenetoEconomia | Veneto Economia Testata giornalistica iscritta in data 19 agosto 2014 al numero 2363 del Registro Stampa presso il Tribunale di Padova.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta | Policy Privacy e Cookie
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211